Cinema

Ritorno in Borgogna, il film bucolico di Cédric Klapisch - Video

Tra filari e vendemmie, alla riscoperta delle radici familiari. Dal 19 ottobre al cinema

Ritorno in Borgogna

Simona Santoni

-

Cédric Klapisch abbandona le ambientazioni urbane che hanno caratterizzato i suoi film, dall'ultimo Rompicapo a New York al suo grande successo L'appartamento spagnolo, per portarci in campagna, tra filari e vendemmie con Ritorno in Borgogna, dal 19 ottobre al cinema con Officine Ubu. 

Il regista francese tesse un viaggio alla riscoperta delle radici familiari attraverso l'arte del vino e il verdeggiante paesaggio che caratterizza la campagna francese della famosa regione vinicola della Borgogna. Tre fratelli sono riuniti dal destino nella tenuta di famiglia, alle prese con importanti decisioni riguardanti il loro futuro e quello dei propri vigneti.

Dopo esser stato lontano da casa e dalla Francia per dieci anni, in un giro del mondo per rifuggire il difficile rapporto con il padre (Éric Caravaca), Jean (Pio Marmaï) torna a Meursault, in Borgogna, proprio per far visita al genitore malato. Lo aspettano la sorella Juliette (Ana Girardot) e il fratello Jérémie (Franҫois Civil). La morte del padre, poco prima dell'inizio della vendemmia, ricopre i fratelli di nuove responsabilità, tra le quali la ricerca di una grossa somma di denaro con cui pagare le tasse di successione.

Al ritmo del susseguirsi delle stagioni, seguendo la produzione del vino, i tre fratelli ripercorrono i momenti fondamentali della loro infanzia, cercando di ricostruire il loro rapporto.

In questo video in esclusiva un estratto di Ritorno in Borgogna


Per saperne di più sul cinema francese: 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Vittoria e Abdul, storia dell'amicizia tra la regina e il commesso indiano - Video

Il film di Stephen Frears ripercorre un insolito rapporto per un secolo tenuto nascosto. Ecco una clip esclusiva e la ricostruzione di come è ritornato alla luce

Dove non ho mai abitato: emozione d’amore al cinema – La recensione

Il dramma sentimentale intenso e romantico di Paolo Franchi con Emmanuelle Devos e Fabrizio Gifuni. Struggimenti e scelte dolorose fra istinto e ragione

Nico, 1988: il film di Susanna Nicchiarelli vincitore a Venezia - Video

Premiato nella sezione Orizzonti al Lido, è il racconto degli ultimi anni di vita dell'ex cantante dei Velvet Underground. Vibrante e sincero. Ecco una clip in esclusiva

Commenti