"Il ragazzo invisibile", il fantasy per famiglie di Gabriele Salvatores - Trailer

Il film arriverà al cinema il 18 dicembre: una storia di avventura che gioca con l'immaginario dei supereroi

Il ragazzo invisibile

Particolare del poster de "Il ragazzo invisibile" – Credits: 01 Distribution

Simona Santoni

-

Gabriele Salvatores si cimenta con un genere insolito per il cinema italiano: il fantasy per famiglie. Protagonista un giovane supereroe che ha il dono dell'invisibilità: Il ragazzo invisibile, che arriverà al cinema il 18 dicembre con 01 Distribution.  

Michele è un ragazzo di 13 anni che vive in una tranquilla città sul mare. Non si può dire che a scuola sia popolare, non brilla nello studio, non eccelle negli sport. Ma a lui in fondo non importa. A Michele basterebbe avere l'attenzione di Stella, la ragazza che in classe non riesce a smettere di guardare. Eppure ha la sensazione che lei proprio non si accorga di lui. Ma ecco che un giorno il succedersi monotono delle giornate viene interrotto da una scoperta straordinaria: Michele si guarda allo specchio e si scopre invisibile. La più incredibile avventura della sua vita sta per avere inizio.  

Il cast è composto da Valeria Golino, Fabrizio Bentivoglio, Ksenia Rappoport e, per la prima volta sullo schermo, Ludovico Girardello e Noa Zatta. Il film è stato girato a Trieste.  

"Ultimamente mi vengono a cercare storie che riguardano l'adolescenza, quel momento di straordinario cambiamento in cui ci si sente trasparenti di fronte agli altri oppure troppo ingombranti e si vorrebbe avere il super potere di scomparire", aveva detto Salvatores. "Queste emozioni vivono in una grande storia di avventura che gioca con l'immaginario dei super eroi e che vuole andare a toccare le corde del ragazzo che è in tutti noi e far risorgere sogni e desideri che siano allo stesso tempo capaci di interessare il pubblico dei più grandi".  

Ecco il trailer de Il ragazzo invisibile:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Gabriele Salvatores: 'Presto un nuovo film in Irlanda'

Mentre Educazione siberiana è da poco in sala, il regista ci racconta il suo rapporto con Malkovich e le scene che ama di più della sua filmografia. E ci anticipa qualcosa del prossimo lavoro, un'altra produzione internazionale...

Educazione Siberiana, Gabriele Salvatores: 'Un film di prime volte'

Così il regista di Mediterraneo: "Non capita spesso di lavorare con 105 persone di troupe mista italo-lituana"

Educazione siberiana, Gabriele Salvatores tra neve e tatuaggi

Il regista di Mediterraneo ha ancora ardore da sperimentatore. E ci regala una storia di grande fascino, seppur imperfetta

Commenti