Simona Santoni

-

Il doc su Lampedusa Fuocoammare di Gianfranco RosiGli ultimi saranno gli ultimi di Massimiliano Bruno con Paola Cortellesi moglie disoccupata in crisi; Indivisibili di Edoardo De Angelis, presentato alle Giornate degli Autori di Venezia e dal 29 settembre nelle sale; lo strabiliante comic movie nostrano Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti; la commedia sui segreti contenuti negli smartphone Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese; Pericle il nero di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio criminale solissimo; il cupo Suburra di Stefano Sollima sulla mafia di Roma Capitale: sono questi, tra i film italiani distribuiti sul nostro territorio tra il 1° ottobre 2015 e il 30 settembre 2016, i sette titoli che si sono iscritti alla corsa per la candidatura del rappresentante italiano all'Oscar per il migliore film di lungometraggio in lingua non inglese. Lo annuncia l'Anica, spiegando che la riunione della commissione di selezione per scegliere il candidato italiano tra i sette iscritti si terrà lunedì 26 settembre.    

La commissione è composta da Nicola Borrelli (direttore generale cinema del Ministero per i Beni e le attività culturali), Tilde Corsi (produttrice), Osvaldo De Santis (distributore), Piera Detassis (giornalista), Enrico Magrelli (giornalista), Francesco Melzi D'Eril (distributore), Roberto Sessa (produttore), Paolo Sorrentino (regista), Sandro Veronesi (scrittore).

La commissione si riunirà il 26 settembre alle 10 nella sede dell'Anica, che agisce in rappresentanza dell'Academy of Motion Pictures Arts and Sciences. La cerimonia di consegna degli Oscar è in programma a Los Angeles domenica 26 febbraio 2017

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perfetti sconosciuti, la commedia deflagrante di Paolo Genovese: 5 cose da sapere

Passioni inconfessate e segreti inconfessabili esplodono in un film dalla verve smaliziata (tendente all'eccesso)

Perché Fuocoammare di Gianfranco Rosi ha vinto il Festival di Berlino

Un film "non politico", che però parla alle coscienze e invita tutti a essere "pescatori". In 5 punti le motivazioni del successo italiano

Lo chiamavano Jeeg Robot, una gioia tutta italiana: 5 motivi per vederlo

Divertente ed entusiasmante, è la bella sorpresa firmata Gabriele Mainetti. Un cinecomic ambientato a Tor Bella Monaca. Che ha trionfato ai David di Donatello

Commenti