Cinema

Opera senza autore: l'arte secondo Florian Henckel von Donnersmarck

Il regista tedesco indaga sulla ricerca dell'identità artistica in una storia che si svolge nel corso di tre decenni, nel dopoguerra

Opera senza autore

Simona Santoni

-

Dopo essere stato presentato in concorso all'ultima Mostra del cinema di Venezia, Opera senza autore arriva in Italia il 4 ottobre con 01 Distribution. A firmarlo il regista tedesco Florian Henckel von Donnersmarck, premio Oscar al miglior film straniero nel 2007 con lo struggente Le vite degli altri, poi autore del meno riuscito The Tourist (2010) con Angelina Jolie e Johnny Depp.

In Opera senza autore il regista e sceneggiatore racconta una storia ispirata a eventi reali sul significato dell'arte e sulla ricerca dell’identità artistica che si svolge nel corso di tre decenni, nel dopoguerra tedesco. 

Tre epoche di storia tedesca sono illustrate attraverso l'intensa vita dell'artista Kurt Barnert (interpretato da Tom Schilling), dal suo amore appassionato per Elisabeth (Paula Beer), al complicato rapporto con il suocero, l’ambiguo Professor Seeband (Sebastian Koch) che, disapprovando la scelta della figlia, cerca di porre fine alla relazione tra Kurt ed Elisabeth. Quello che nessuno sa è che le loro vite sono già legate da un terribile crimine commesso da Seeband decenni prima.

In questo video in esclusiva un estratto del film Opera senza autore

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

L'albero dei frutti selvatici: estratto del film di Nuri Bilge Ceylan

I 10 film più visti della settimana

Inarrestabile "Bohemian Rhapsody": il biopic sui Queen supera 11 milioni di euro

I film da vedere al cinema questa settimana

Tra i titoli consigliati il ritorno di Nanni Moretti con "Santiago, Italia" e la commedia spagnola "Non ci resta che vincere"

I film più belli del 2018 (finora)

Al primo posto il gioiello giapponese "Un affare di famiglia" di Kore-eda Hirokazu. New entry "Lontano da qui"

Commenti