Cinema

Addio a Bud Spencer: da Russell Crowe a Gabriele Muccino il saluto dei vip

Dai social il commiato e i "grazie" all'attore Carlo Pedersoli, "compagno di un'infanzia solare"

Bud Spencer

Simona Santoni

-

"Cordoglio per la scomparsa di Bud Spencer e un sincero senso di gratitudine per quella infanzia solare nella quale ci ha accompagnati". Così Gabriele Muccino su Twitter saluta Bud Spencer, nome d'arte di Carlo Pedersoli, attore morto nel pomeriggio del 27 giugno all'età di 86 anni.


Bud Spencer è stato indimenticabile protagonista di simpatici e scanzonati spaghetti western anni '70, da Dio perdona... io no! (1967) a Lo chiamavano Trinità (1970). Nel 1999 il Time l'aveva nominato l'attore italiano più famoso al mondo, seguito dal suo inseparabile compagno di set Terence Hill. 

Tant'è che anche da Oltreoceano arrivano messaggi addolorati sui social. Ecco quello del divo australiano de Il gladiatore, Russel Crowe:


Jerry Calà
ha recitato insieme a Bud Spencer in Bomber (1982) di Michele Lupo, dove il gigante buono del nostro cinema interpretava una vecchia gloria del pugilato. Il ricordo di Jerry va a quel set e quei momenti condivisi:


"Una vita a farci sentire bene", sono le sacrosante parole di Jovanotti


Anche per lo scrittore Roberto Saviano è un ricordo d'infanzia che se ne va:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

È morto Bud Spencer, il gigante buono degli spaghetti western - Foto

Aveva 86 anni. Per tutti era l'amatissimo omone che menava sganassoni e mangiava fagioli in coppia con Terence Hill

Commenti