Monuments men, il film di George Clooney: il dvd in edicola con Panorama

Con un cast d'eccezione rivive una storia di coraggio e di amore per l'arte durante la Seconda guerra mondiale. Dal 12 giugno

Monuments men – Credits: Ufficio stampa

George Clooney è l’alfiere di un plotone di superattori arruolati per far rivivere una storia vera di coraggio e amore per l’arte, adornata di hollywoodiana spensieratezza. È lui il regista-attore di Monuments Men, prossima anteprima in dvd in uscita con Panorama.

Tratto dall’omonimo libro di Robert M. Edsel e Bret Witter, il film racconta la Seconda guerra mondiale sotto una nuova prospettiva, congiungendo un cast spettacolare: Matt Damon, Cate Blanchett, Bill Murray, John Goodman, Jean Dujardin, Hugh Bonneville, Bob Balaban, Dimitri Leonidas...
Tutti insieme portano alla luce l’importante intervento di un manipolo di studiosi americani riunitisi nel 1943 e salpati in Europa per salvare i capolavori artistici occidentali dalla distruzione e dai trafugamenti nazisti. Fisicamente non hanno certo l’aspetto di soldati valorosi, ma sulle linee del fronte iniziano un’emozionante gara contro il tempo per proteggere secoli di inestimabile cultura.

Clooney declina il racconto coi toni della commedia, ispirandosi a vecchie pellicole tipo La grande fuga (1963) e Quella sporca dozzina (1967), alternando frequente umorismo all’inevitabile drammaticità del periodo narrato. I suoi eroi sono curatori, architetti, storici: all’apparenza non sembrano avere possibilità, ma sono loro l’unica speranza per alcune delle più grandi meraviglie dell'umanità. 

Il dvd di Monuments men è con Panorama a 15,90 euro.

Leggi Panorama Online

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Monuments Men, il film di George Clooney: 5 cose da sapere

Sullo stile delle vecchie pellicole di guerra tipo La grande fuga, il racconto di come un manipolo di esperti d'arte salvò alcuni capolavori europei dai trafugamenti nazisti

I Monuments men della storia dell’arte

Armati di una strumentazione avanzatissima, 175 superesperti passano al setaccio i capolavori del Tefaf di Maastricht, la fiera mercato più importante al mondo. 

Commenti