Simona Santoni

-

"Non sono bello e non lo sono mai stato. Ho una faccia qualsiasi, anonima, anche un po' da burino". Difficile da credere ma a parlare così di sé, alla giornalista Lietta Tornabuoni, era Marcello Mastroianni.
Conosciuto in tutto il mondo com un latin lover, l'attore italiano malgradiva tale definizione. "Ci sono dei geometri che hanno avuto più storie di me", replicava a Enzo Biagi nel libro La bella vita: Marcello Mastroianni racconta.

Lui, però, Casanova lo è stato davvero. Almeno al cinema, sia come maggiore esperto nel sedurre le donne in Casanova '70 (1965) di Mario Monicelli, sia come Giacomo Casanova un po' attempato ne Il mondo nuovo (1982) di Ettore Scola.
Bello o burino, poco importa. Marcello era semplicemente un grande attore che ha fatto la storia del nostro cinema. Interprete eclettico, dalla recitazione sobria ma ricca di sfumature, nato il 28 settembre 1924 a Fontana Liri, moriva il 19 dicembre 1996 a Parigi. A 20 anni dalla sua morte, lo ricordiamo in foto.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ettore Scola, i 5 film più belli

Ora usando toni comici o delicati, ora affilando la satira più pungente, il regista sceneggiatore ci ha regalato capolavori di cinema italiano. Ecco i più grandi. Che scorriamo ancora una volta, a un anno dalla sua morte

Sophia Loren, gli ottant'anni di un'icona in foto

Il 20 settembre l'attrice più internazionale del nostro cinema taglia un traguardo speciale

Commenti