Simona Santoni

-

È uno dei rivali di Fuocoammare del nostro Gianfranco Rosi nella corsa all'Oscar come miglior documentario. Ed è un rivale molto insidioso. Life, Animated è un doc commovente e illuminante, che parla di autismo, di affetti famigliari e del potere sorprendente del cinema. Dal 2 febbraio al cinema distribuito da I Wonder Pictures, Unipol Biografilm Collection e Fil Rouge Media, Life, Animated racconta l'emozionante storia di Owen Suskind e il suo viaggio interiore alla ricerca di un modo di comunicare con il mondo circostante. La chiave di volta per uscire dal suo isolamento? I cartoni animati della Disney.

Alla regia c'è lo statunitense Roger Ross Williams, che nel 2010 ha vinto l'Oscar al miglior cortometraggio documentario con Music by Prudence. Tratto dal libro Life, Animated: a Story of Sidekicks, Heroes, and Autism del premio Pulitzer Ron Suskind, padre di Owen, Life, Animated alterna vecchi filmini di famiglia a girati contemporanei e animazioni seducenti. 

La Sirenetta, Il Re Leone, Aladdin… I classici Disney, che hanno scandito l'infanzia di tutti, hanno avuto un significato particolarmente importante per Owen, che all'età di tre anni ha iniziato a manifestare i sintomi di una grave forma di autismo. Chiuso in se stesso, incapace di elaborare le proprie emozioni, Owen ha trovato proprio nei film Disney un tramite per fare breccia nella barriera che lo separa dal mondo, sviluppando un modo del tutto alternativo ed eccezionale di esprimersi attraverso la voce dei suoi eroi. Grazie ai cartoon i suoi genitori sono riusciti a strapparlo dal silenzio. Le opere di fantasia, che normalmente assurgono il potere di farci fuggire dalla realtà, in Life, Animated hanno anche il potere segreto di aiutarci ad affrontarla.

"I miei film hanno sempre avuto lo scopo di sostenere gli outsider", ha detto Williams. "Con Life, Animated ho voluto raccontare una storia incredibile, ma anche creare uno spazio che offrisse una visuale dentro la mente di Owen Suskind e le altre persone che convivono con l’autismo. Owen è una persona unica per molte ragioni, prime fra tutte la sua apertura emotiva e la sua scrupolosa onestà. La sua visione del mondo è straordinaria perché è sgombra dalle molte convenzioni sociali il cui scopo primario è limitare il comportamento e frenare la spontaneità. E questo per me è un concetto fresco e nuovo. Ciò che Owen ha fatto semplicemente vivendo la sua vita immerso in miti e favole è stato trovare un modo per dissezionare il mondo, e nel farlo è arrivato a una comprensione incredibilmente saggia della condizione umana".

In questo video in esclusiva un estratto di Life, Animated:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Oscar 2017, le nomination: Fuocoammare in corsa tra i documentari

Ventesima candidatura per Meryl Streep. "La La Land" si conferma il film da battere. Gianfranco Rosi: "La dedica va a Lampedusa"

Oscar 2017, è Fuocoammare di Gianfranco Rosi il candidato italiano

Il doc su Lampedusa ci rappresenterà agli Academy Awards. Ha avuto la meglio su "Perfetti sconosciuti" e "Lo chiamavano Jeeg Robot"

Oscar 2017, ecco perché Fuocoammare di Gianfranco Rosi è la scelta giusta

Un film di grande attualità e di portata universale. Che pochi mesi fa stregò Meryl Streep

Commenti