Il libro della giungla, il remake: Bill Murray dà la voce all'orso Baloo

Il film sarà diretto da Jon Favreau e prodotto dalla Disney. Mentre un nuovo lungometraggio ispirato ai racconti di Rudyard Kipling è in programma...

Simona Santoni

-

L'orso Baloo, in tutta la sua docile pigrizia, non poteva trovare alter ego migliore che Bill Murray. Il placido e giocoso attore americano darà infatti voce al mammifero amante della bella vita, uno dei principali "tutori" del cucciolo d'uomo Mowgli, nel remake del film d'animazione del 1967 firmato Disney Il libro della giungla

Alla regia, sempre per conto della Disney, ci sarà l'eclettico Jon Favreau, ora al cinema in veste di regista, sceneggiatore, produttore e attore della commedia Chef - La ricetta perfetta e in passato dietro la macchina da presa di Iron Man e Iron Man 2 (dove recitò anche).

Oltre allo spassoso Murray, ci sarà un cast di doppiatori di alto profilo. Il pitone Kaa dall'ipnotico sibilo avrà la roca seducente voce di Scarlett Johansson, la tigre del Bengala Shere Khan quella di Idris Elba, l'orango Re Luigi quella di Christopher Walken, l'amichevole pantera nera Bagheera quella di Ben Kingsley. La diva di 12 anni schiavo  Lupita Nyong'o ha firmato per interpretare la mamma lupa Raksha, l'attore di Breaking Bad Giancarlo Esposito per essere il lupo capobranco Akela. 

Un insieme di corde vocali spumeggianti che sarebbe bello sentire anche in Italia, magari in una versione originale sottotitolata, da affiancare a quella - doverosa per i bambini - doppiata in italiano. Vedremo.

Il film unirà live action e computer grafica. Tra gli attori in carne e ossa c'è il piccolo Neel Sethi, dieci anni, che interpreta il ragazzino protagonista, Mogwli. 

La sceneggiatura è firmata Justin Marks e si dovrebbe concentrare sempre sulla storia di Mogwli narrata ne Il libro della giungla dello scrittore Premio Nobel Rudyard Kipling, trascurando gli altri racconti che compongono la raccolta. Il film dovrebbe uscire nelle sale americane il 9 ottobre 2015.

Non sarà però l'unico lungometraggio dei tempi recenti a concentrarsi sugli scritti di Kipling. È previsto infatti in uscita per il 21 ottobre 2016 un lavoro in live action prodotto da Warner Bros che vedrà alla regia Andy Serkis, esperto di performance capture, tant'è che è stato lui a prestare movimenti ed espressioni facciali al Gollum de Il signore degli anelli e a Cesare in L'alba del pianeta delle scimmie e sequel. Il film si chiamerà Jungle Book: Origins (traduzione: Il libro della giungla - Le origini) e aprirà forse una saga. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie, thriller di Matt Reeves: 5 cose da sapere

Impressionante il realismo dei primati (creati al computer), sempre più protagonisti. Sono loro i personaggi più avvincenti. Svetta Cesare, leader saggio e tormentato

Monuments Men, il film di George Clooney: 5 cose da sapere

Sullo stile delle vecchie pellicole di guerra tipo La grande fuga, il racconto di come un manipolo di esperti d'arte salvò alcuni capolavori europei dai trafugamenti nazisti

Commenti