Cinema

La donna dello scrittore, film tra amore ed esilio di Christian Petzold - Video

Nella Marsiglia degli anni '40, la storia di una passione impossibile

La donna dello scrittore

Simona Santoni

-

Presentato in Concorso all'ultima Berlinale, La donna dello scrittore è il nuovo film del regista tedesco Christian Petzold, che ha già firmato La scelta di Barbara (2012) e Il segreto del suo volto (2014). 

Storia di un grande amore impossibile fra la fuga, l'esilio e il desiderio di raggiungere un luogo che possiamo chiamare casa, è tratto dal romanzo Transito della scrittrice tedesca "pasionaria" antifascista Anna Seghers, scritto a Marsiglia nel 1942. Dal 25 ottobre al cinema distribuito da Academy Two, ha come progatonisti gli attori Franz Rogowski e Paula Beer. 

Le truppe tedesche sono alle porte di Parigi. Georg (interpretato da Rogowski), un rifugiato tedesco, fugge a Marsiglia appena in tempo. Il suo bagaglio contiene i documenti di uno scrittore di nome Weidel, che si è tolto la vita per paura delle persecuzioni. Questi documenti comprendono un manoscritto, alcune lettere e l’assicurazione dell’ambasciata messicana per un visto. Per poter ottenere uno dei pochi passaggi disponibili in nave Georg assume l’identità di Weidel e memorizza tutte le informazioni contenute nei documenti. Sprofonda nella esistenza a metà di chi è in fuga: chiacchiera con i rifugiati nei corridoi di un piccolo hotel, nei consolati, nei caffè e nei bar lungo il porto. Il suo unico amico è Driss (Lilien Batman), figlio del compianto Heinz, morto mentre cercava di fuggire. Tutto è destinato a cambiare quando Georg incontra Marie (Beer), una donna misteriosa di cui si innamora.

In questo video in esclusiva un estratto del film La donna dello scrittore:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I 10 film più visti della settimana

Il lungometraggio Disney "Lo Schiaccianoci e i quattro regni" ancora in testa, seguito di "First man" di Damien Chazelle

Opera senza autore: l'arte secondo Florian Henckel von Donnersmarck

Il regista tedesco indaga sulla ricerca dell'identità artistica in una storia che si svolge nel corso di tre decenni, nel dopoguerra

L'albero dei frutti selvatici di Nuri Bilge Ceylan, alla ricerca della propria identità - Video

Dal 4 ottobre al cinema la storia di formazione di un uomo che torna nella città natale per saldare i debiti del padre

Commenti