Jeanne Moreau, icona charmant del cinema francese - Foto

Compie 85 anni l'attrice che infiammò gli anni '50 e '60, diva della Nouvelle Vague e indimenticabile ispiratrice di Louis Malle, François Truffaut e Orson Welles

Simona Santoni

-
 

Louis Malle, François Truffaut, Orson Welles, Luis Buñuel... Nomi di leggende del cinema che fan tremar le gambe.

E lei, Jeanne Moreau, con la sua bellezza sottile e lo spirito ardente, si è lasciata dirigere da questi quando lei era già una star e loro solo talenti di belle speranze.


"A Truffaut ho detto di sì quando non aveva ancora quasi mai girato un film" ha raccontato pochi giorni fa a Le Monde . "Quando ho accettato Ascensore per il patibolo di Louis Malle il mio agente di allora mi ha mollato dicendo: 'Vuoi recitare con un tipo che è stato subacqueo per Cousteau?' (Cousteau e Malle avevano realizzato insieme il documentario Il mondo del silenzio, ndr). Ho anche accettato di girare per Orson Welles, mentre tutti dicevano che era cotto. Questo è andare alla scoperta".


Diva francese dallo charme senza tempo, già di fama indiscussa quand'era solo ventenne, attrice simbolo della Nouvelle Vague, oggi compie 85 anni. E dopo 64 anni di carriera Jeanne ha ancora passione e forza, e progetti su cui puntare, guardando non tanto al ruolo ma alla natura del regista. Ecco così che in questo mese completerà le riprese del film Jeanne dans tous ses états di Sandrine Veysset, dove recita con Isabelle Huppert, Gérard Depardieu, Michael Lonsdale.

E a marzo la ribelle di Jules e Jim, film scandalo di Truffaut, girerà per Joseph Morder La Duchesse de Varsovie, storia di una sopravvissuta dei campi di concentramento che non ha mai parlato del suo trauma.

Attrice indimenticabile di pellicole come Gli amanti di Malle, La Notte di Antonioni, Querelle de Brest di Fassbinder, ha anche diretto due lungometraggi Lumière (1976) L'adolescente (1979).

Proprio la canzone colonna sonora del film, L'adolescente , che Jeanne Moreau stessa canta insieme a Yves Duteil, è una delle chanson francesi più evocative e dolci da ricordare.

© Riproduzione Riservata

Commenti