Cinema

Il prigioniero coreano di Kim Ki-Duk, le due facce simili della Corea

Film implacabile e altamente politico, mette a nudo somiglianze sconcertanti tra il Nord della dittatura e il Sud capitalista

Il prigioniero coreano

Simona Santoni

-

È inesorabile Kim Ki-Duk, come lui sa essere. Il suo film Il prigioniero coreano è lì a evidenziare quella linea di frontiera che sul 38° parallelo divide le due Coree, il Nord comunista soffocato dalla dittatura e il Sud capitalista ridente democrazia. Ma accanto alle profonde differenze, il regista sudcoreano mette a nudo senza pietà somiglianze sconcertanti. Perché la ferocia delle ideologie può svilupparsi in violenze simili. 

Dal 12 aprile al cinema distribuito da Tucker Film, Il prigioniero coreano è un film del 2016, presentato alla Mostra di Venezia nella sezione collaterale "Cinema in giardino". Inaccessibile in Corea del Nord ma poco gradito anche in Corea del Sud, è un'opera implacabile. Montata attorno a una messa in scena semplice e percorsa da un realismo asciutto e poco dinamico, fa scaturire senso di impotenza e tristezza strisciante. La stessa che vive il povero protagonista, il pescatore nordcoreano Nam (Ryoo Seung-bum) che, finito per un incidente nelle acque sudcoreane, si troverà a subire interrogatori sadici e asfissianti, prima da una parte del confine, poi dall'altra. 

La trama: un pescatore nella rete

Le giornate di Nam Chul-woo sono semplicissime: prima sulle acque del fiume a pescare e guadagnarsi la vita, davanti al gabbiotto delle sentinelle di frontiera nordcoreane, quindi nella sua umilissima dimora, una stanza e poco più, con la moglie e la figlioletta, che dorme a due passi dai genitori abbracciata a un orsacchiotto malridotto. Un giorno sciagurato, però, la rete della barca di Nam si impiglia nell'elica e la piccola imbarcazione scivola via oltre confine. In Corea del Sud. Con suo estremo terrore. 

Per niente sedotto dall'apparente affabilità e dagli agi sudcoreani, Nam vuole solo tornarsene al Nord, dalla sua famiglia. Il richiamo della possibilità di una vita migliore, nella libera e ricca Corea del Sud, non lo attrae. Le autorità sudcoreane strabuzzano gli occhi: come può un misero pescatore nordcoreano rifuggire l'Eldorado del Sud per far ritorno all'opprimente dittatura del Nord? Ma Nam deve ancor prima dimostrare di non essere una spia. È sottoposto a interrogatori pressanti e violenze psicologiche strazianti. Al Sud, laddove dovrebbe regnare la libertà. 

Anche quando finalmente potrà tornarsene al di là, dovrà fare i conti con nuovi tremendi interrogatori per convincere il potere nordcoreano della propria integrità e di non essere stato infettato dal capitalismo. Un'esperienza che lo svuota e gli ruba l'anima.

Il paradosso di Nord e Sud simili

Il prigioniero coreano è un film duro e altamente politico, uno sguardo amaro che ha accenni da thriller. Kim Ki-Duk non ha paura di criticare i versanti opposti della Corea divisa, neanche la Seoul capitalista dove il povero Nam viene abbandonato e, costretto a guardarsi attorno, si muove spaesato, lui, abituato alle campagne del Nord. 

"Con Il prigioniero coreano ho voluto mostrare un paradosso: guardate come sono simili Nord e Sud", ha detto il regista, poco apprezzato in patria. "Là c’è la dittatura, qui la violenza ideologica. E non si tollera che un povero pescatore del Nord, finito per caso fuor d'acqua, voglia ritornarsene a casa".

In quasi due ore di crudezze fisiche e psicologiche, c'è anche un piccolo raggio di luce. Lo rapprensenta la guardia sudcoreana (Lee Won-gun) che si occupa della protezione di Nam: un giovane dagli ideali ancora intonsi che instaura un rapporto di sincera umanità con il pescatore tormentato. È lui il simbolo della speranza di un futuro senza guerra


Per saperne di più:

Voto: 3/5
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I film più belli del 2018 (finora)

Al primo posto un racconto in tre atti sulla danza del destino senza via d'uscita. New entry la sorpresa francese "L'affido" di Xavier Legrand

1968: i dieci film più belli (che compiono cinquant'anni)

Il cinema di un anno fatidico nell’evoluzione di forma e contenuti. Per una "classifica" fatta di capolavori e opere che hanno rivoluzionato i generi

I 10 film francesi più belli del 2017

Al primo posto "Elle", una storia conturbante, amorale, spietata e divertente

I 10 film italiani più belli del 2017

Al primo posto la bella sorpresa arrivata da Venezia: "Nico, 1988" di Susanna Nicchiarelli, biopic dolente e sincero

I film più belli del 2017

Al primo posto "Moonlight", storia dolente e luminosa da Oscar. Al secondo "Dunkirk", il war movie dell'anno. Ecco i film migliori

Commenti