Simona Santoni

-

Alla cerimonia di consegna dei settantaduesimi Golden Globe, ieri notte, non sono mancati messaggi di solidarietà verso le vittime della strage di Parigi. I divi di Hollywood hanno mostrato la loro partecipazione con penne appuntate sul vestito, per inneggiare alla libertà di stampa e di espressione, e con spille e fogli con la scritta ormai emblematica "Je suis Charlie", diventata slogan planetario di vicinanca alla Francia scossa dall'attacco terroristico alla rivista satirica Charlie Hebdo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Golden Globe 2015, trionfano Boyhood e Grand Budapest Hotel: tutti i vincitori - Foto

Il film di Richard Linklater premiato anche per la miglior regia e per l'attrice non protagonista Patricia Arquette. Tra le serie tv vince "The Affair"

Golden Globe 2015, le regine del red carpet

Le protagoniste della 72esima edizione dell'evento che anticipa gli Oscar

Golden Globe 2015, tutte le nomination: non c'è Virzì

"Birdman" di Alejandro Iñárritu è il film con maggior numero di candidature, sette

Commenti