Simona Santoni

-

Nel 2013 l'horror soprannaturale L'evocazione - The Conjuring ha conquistato pubblico e stampa. Ora Vera Farmiga e Patrick Wilson tornano nei panni dei due ricercatori del paranormale statunitensi Ed e Lorraine Warren nel sequel The Conjuring - Il caso Enfield
I sequel spesso perdono l'originalità e la forza dei predecessori, dilapidando la preziosa eredità dei film da cui hanno vita. Ma non sempre è così. Grazie al sito Rotten Tomatoes, che raccoglie recensioni internazionali, ecco i 10 sequel horror più riusciti secondo la critica.

10) Nightmare - Nuovo incubo  (1994) di Wes Craven

È il settimo capitolo della saga Nightmare, anche se non ha continuità con la serie. Dieci anni dopo avar ideato il suo personaggio più noto, Craven torna a dirigere un film sullo spaventoso Freddy Krueger, che invade il mondo "reale" e minaccia il cast e la troupe autori delle pellicole su di lui.

9) Wrong Turn 2 - Senza via di uscita (2007) di Joe Lynch

Secondo capitolo della saga horror splatter Wrong Turn, segue Wrong Turn - Il bosco ha fame di Rob Schmidt. Un reality show estremo si trasforma in un incubo quando compaiono cannibali mutanti a caccia di uomini. Sangue, violenza, allegra mattanza.

8) REC 4: Apocalipsis (2014) di Jaume Balagueró

Quarto e ultimo film della saga horror spagnola REC, diretta da Balagueró e Paco Plaza, abbandonando l'ironia e lo splatter di REC 3 torna alla trama originaria e all'impostazione claustrofobica. Torna anche la reporter Ángela Vidal, interpretata da Manuela Velasco: infettata e posseduta dal demonio, viene rinchiusa in quarantena.

7) La maledizione di Chucky (2013) di Don Mancini

Sesto capitolo della saga, è il sequel de Il figlio di Chucky (2004), sempre diretto da Mancini, il creatore di Chucky, il malefico bambolotto assassino che ha l'anima del serial killer Charles Lee Ray, comparso per la prima volta nel film La bambola assassina (1988) di Tom Holland.

6) Scream 2 (1997) di Wes Craven 

Secondo capitolo della tetralogia di Craven, è anche più terrificante del primo film. Fa una parodia esuberante e beffarda delle convenzioni degli horror e dei sequel, senza ricaderne vittima. Protagonista sempre Sidney Prescott, interpretata da Neve Campbell, alle prese con serial killer dalla "faccia di fantasma".

5) Il giorno degli zombi (1985) di George A. Romero

Terzo film della saga dei morti viventi di Romero, aperta da La notte dei morti viventi e proseguita con Zombi, è un horror crudo e violento. Tra i tre della trilogia originale è il preferito dello stesso regista, che l'ha definito la "tragedia di come la mancanza di comunicazione umana provochi caos e collasso anche in una piccola fetta di società".

4) Zombi (1978) di George A. Romero

Segue La notte dei morti viventi (film 1968), è il secondo film della trilogia originale di Romero sugli zombi, a cui il regista statunitense ha fatto seguire altri tre film. L'horror puro e il gore si fondono a una riflessione sulla società borghese, in un cult che ha definito il genere delle pellicole sugli zombie.

3) La casa 2 (1987) di Sam Raimi

Sequel de La casa, sempre di Raimi, lievita in effetti speciali, ironia e trovate slapstick e gore, tanto da essere ai livelli del predecessore, se non migliore. Ritroviamo Bruce Campbell nei panni di Ash Williams a combattere contro persone care possedute dalle forze del male.

2) Aliens - Scontro finale (1986) di James Cameron

Segue Alien di Ridley Scott. A differenza del suo predecessore, dove la tensione è costruita pian piano, sottilmente, il sequel ha una potenza più viscerale. Ha vinto due Oscar, miglior montaggio sonoro e migliori effetti speciali (solo un Oscar agli effetti speciali per Alien). Sigourney Weaver sempre protagonista e carismatica.

1) La moglie di Frankenstein (1935) di James Whale

Horror gotico cult, eccentrico, teatrale, dotato di intensità macabra, è il sequel di Frankenstein (1931) dello stesso Whale e riesce a far bene quanto il predecessore, se non meglio. Elsa Lanchester, nei panni della donna destinata alla creatura, è magnetica.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

The Conjuring, il caso Enfield: è vero terrore – La recensione

Da James Wan una “bomba horror” che spaventa con un film girato magistralmente. Tornano i coniugi Warren e piombano nell’inferno di una casa inglese

Cosa succede se un cane guarda un film horror?

La reazione è sorprendente e simpatica

È morto Wes Craven, regista di Nightmare e maestro dell'horror - Foto

Aveva 76 anni. Ha spaventato generazioni di amanti del genere. Sue le saghe "Scream" e "Le colline hanno gli occhi"

Commenti