Cinema

Fantozzi torna al cinema restaurato - Video

I primi due film sullo sfortunato e abietto ragioniere di nuovo in sala

Fantozzi al cinema

Simona Santoni

-

Il 27 marzo 1975 usciva al cinema Fantozzi, il primo dei dieci film sullo sfortunatissimo e abietto ragionier Ugo Fantozzi, interpretato in maniera indelebile da Paolo Villaggio. Rappresentante dell'uomo medio, anzi, mediocre, è diventato l'archetipo dell'italiano anni '70, medio-borghese, impiegato dalla vita semplice, animato da fallimentari desideri di riscossa. 

A quarant'anni dal suo debutto cinematografico ora torna nelle sale con le due indimenticabili pellicole Fantozzi (al cinema il 26, 27 e 28 ottobre) e Il secondo tragico Fantozzi (2, 3 e 4 novembre), restaurate per l'occasione in 2K, grazie a Eagle Pictures.

 

"Fantozzi al cinema" ci riporta in mezzo a gite aziendali, partite di calcetto tra scapoli e ammogliati, tragici festeggiamenti di Natale e Capodanno, crocifissioni in sala mensa.

In questo video in esclusiva un anticipo sulle restaurate sventure di Fantozzi Ragionier Ugo, matricola 1001/bis dell'Ufficio Sinistri:

Fantozzi, il più grande "perditore" di tutti i tempi: 40 anni in 40 foto
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Fantozzi, il più grande "perditore" di tutti i tempi: 40 anni in 40 foto

Il 27 marzo 1975 il ragioniere più sfortunato e abietto arrivava sul grande schermo. Un'icona di comicità col volto irresistibile di Paolo Villaggio

Fantozzi: i video con le scene più divertenti

Dal geometra Filini alla Contessa Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare, dal fornaio Cecco alla signorina Silvani

5 libri per ricordare Fantozzi

Dal genio comico di Paolo Villaggio nacque in forma di romanzo il ragioniere più famoso d’Italia. Il grande successo nel 1975, con il film di Luciano Salce

Paolo Villaggio, buon compleanno a un genio chiamato Fantozzi

Il 30 dicembre il grande artista genovese compie 80 anni. Il suo personaggio più popolare, il ragioniere più sfortunato del mondo, ha cambiato la storia del cinema e del costume. Perché, in fondo, c'è qualcosa di lui in ognuno di noi

Commenti