Barbara Massaro

-

Nel mondo dello spettacolo esistono incubi ricorrenti tra coloro che organizzano grandi eventi mondiali della portata degli Oscar. Per esempio quello di sbagliare busta e fare una figuraccia globale e negli incubi più bui la busta sbagliata non è quella per i migliori costumi non originali o per qualche premio minore, ma proprio quella per il miglior film dell'anno.

L'errore della notte degli Oscar
Il 2017 passerà alla storia come l'anno in cui l'incubo è diventato realtà e un imbarazzatissimo Warren Beatty, nell'annunciare il film vincitore dell'Academy si è trovato in mano la busta precedente, quella per la vincitrice dell'Oscar come protagonista femminile - Emma Stone - interprete di La, La Land. Beatty accanto alla collega Faye Dunaway ha fatto uno più uno e ha regalato 140 secondi d'illusione al cast di La, La, Land prima che da dietro le quinte dove come è ovvio nel frattempo era scesa l'apocalisse, è arrivato qualcuno a dire: "Ops, ci siamo sbagliati, ha vinto Moonlight".

LEGGI ANCHE: "Oscar 2017, il video del clamoroso errore"

LEGGI ANCHE: "Oscar 2017, i cinque discorsi più belli"

LEGGI ANCHE: "Oscar 2017, come funziona il sistema delle buste"

Licenziato il responsabile
Una scena che passerà alla storia dei quasi sempre impeccabili Academy, ma la vicenda, a una settimana dalla premiazione, non è ancora finita. Brian Cullinan, incaricato di consegnare ai presentatori le buste con i nomi dei vincitori degli Oscar, ha perso il posto di lavoro. Licenziato in tronco. Cullinan era revisore dei conti e socio della PricewaterhouseCoopers la ditta incaricata del conteggio dei voti da 83 anni.

Insieme a lui è stata allontanata anche la collega Martha Ruiz. L'inchiesta interna su quanto successo quella notte era stata aperta non appena si erano spenti i riflettori sul Dolby Theatre e le responsabilità erano presto emerse. A quanto pare Cullinan, invece che stare concentrato sulla consegna delle buste, era intento a twittare e stava condividendo una foto dell'appena premiata Emma Stone.

L'uomo, che si occupava della consegna già da quattro anni, ha poi cancellato i tweet della serata ma non è stato difficile risalire a quanto postato. Cullinan, nel corso dell'evento, ha condiviso diverse foto della serata e proprio tre minuti prima del fatale (se non altro per la sua carriera) errore era stata pubblicata la foto della Stone con la statuetta in mano da dietro le quinte.

La lettera di scuse
La PricewaterhouseCoopers si è assunta in toto la responsabilità di quanto accaduto e l'Academy of Motion Pictures ha diffuso una nota di scuse in cui si legge: "Ci scusiamo profondamente per gli errori commessi in occasione dell'annuncio del Miglior film durante la cerimonia degli Oscar. Ci scusiamo con tutto il cast e la troupe di La La Land e Moonlight. Riconosciamo l'incredibile eleganza con cui hanno affrontato le circostanze. Ci scusiamo con tutti, inclusi i nostri presentatori Warren Beatty e Faye Dunaway, i registi, e i nostri fan che stavano guardando lo show in tutto il mondo.

Negli ultimi 83 anni, l'Academy ha incaricato PwC di gestire il processo di raccolta dei voti, incluso l'accurato rilascio dei risultati. PwC si è presa l'intera responsabilità per le violazioni dei protocolli stabiliti avvenuti durante la cerimonia. Siamo impegnati nel mantenimento dell'integrità degli Oscar e dell'Academy".

Come nella migliore delle tradizioni hollywoodiane, però, The show must go on e la macchina organizzativa è già al lavoro per il 2018.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Oscar 2017, le foto più belle del red carpet

Prima che venissero assegnati gli Academy Award, è stata festa per gli occhi

Emma Stone Oscar 2017: sexy, comica, rock - Foto

Migliore attrice protagonista in La La Land, ha un fascino solare e fresco. Ma in passato ha saputo essere cacciatrice di zombie e femme fatale

Oscar 2017, ecco perché ha vinto Moonlight: i 5 motivi del successo

Piccolo film dal grande cuore, è la risposta alla politica di chiusura di Trump e alla polemica dell'anno scorso #OscarSoWhite

Oscar 2017, le celebrity con la spilla anti Trump

Sul red carpet in tanti hanno indossato un fiocco azzurro in difesa e tutela dei diritti civili messi il dubbio dal neo-Presidente

Oscar 2017, i 5 discorsi più belli

Dalla dedica alla comunità LGBT di Barry Jenkins all'aggraziata e commossa umiltà di Emma Stonne

Commenti