Doctor Strange
Cinema

Doctor Strange, 15 curiosità sul film Marvel e un video

Il 26 ottobre arriva al cinema il nuovo supereroe interpretato da Benedict Cumberbatch. L'attore ci racconta il suo personaggio

"È strano che fino ad ora Doctor Strange sia rimasto nell'ombra all'interno dell'Universo cinematografico Marvel perché è fortemente presente nei fumetti". Parola di Benedict Cumberbatch, che nel video qui a seguire - insieme agli altri protagonisti del nuovo film Marvel - ci racconta il suo nuovo personaggio.
Il carismatico attore britannico porta infatti sul grande schermo un nuovo superereroe, lo "Stregone Supremo" che nei comics protegge la Terra da minacce di natura magica e mistica. Dal 26 ottobre nei cinema italiani, Doctor Strange è diretto da Scott Derrickson, il regista di Sinister, e prodotto da Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios. 

Al centro del racconto la storia del neurochirurgo di fama mondiale Stephen Strange (Cumberbatch), la cui vita cambia per sempre dopo che un terribile incidente automobilistico lo priva dell’uso delle mani. Quando la medicina tradizionale si dimostra incapace di guarirlo, Strange è costretto cercare una cura in un luogo inaspettato: una misteriosa enclave nota come Kamar-Taj. Scoprirà presto che non si tratta soltanto di un luogo di guarigione, ma della prima linea di una battaglia contro invisibili forze oscure decise a distruggere la nostra realtà. Presto, Strange imparerà a padroneggiare la magia e sarà costretto a scegliere se fare ritorno alla sua vita agiata o abbandonare tutto per difendere il mondo e diventare il più potente stregone vivente.  

Nel cast anche Chiwetel Ejiofor, Rachel McAdams, Benedict Wong, Michael Stuhlbarg, Benjamin Bratt, Scott Adkins, Mads Mikkelsen, Tilda Swinton.

 

Ecco 15 curiosità sul dietro le quinte e sul lavoro di produzione di Doctor Strange

1) Il film Marvel Doctor Strange è stato girato a Londra, New York, Kathmandu (in Nepal) e Hong Kong.  

2) Il reparto scenografia è stato fondamentale per dare vita al look del film. A pieno regime, il reparto era composto da 49 persone impiegate nella creazione dei bozzetti e delle sculture, nella realizzazione di modelli fatti a mano e nella stampa 3D. Per il film sono stati realizzati più di 800 disegni, 3000 bozzetti e 40 modellini scenografici. Le scenografie del film sono state fortemente influenzate dagli albi a fumetti illustrati da Steve Ditko.  

3) Guardando il film, il pubblico noterà che quasi tutte le scenografie sono basate su schemi geometrici ben precisi.  

4) Per il film sono stati costruiti 21 set. Il set più colossale, largo 48 metri e lungo 24, ospitava il cortile e le strade del Kamar-Taj.

5) Durante la pre-produzione e le riprese, più di 100 persone hanno lavorato nel reparto costumi.  
La silhouette della Cappa della Levitazione è molto importante nel mondo dei fumetti Marvel: la costumista Alexandra Byrne è stata incaricata di dare vita alla Cappa, e per riuscirci si è servita dell0ausilio di 20 dei suoi collaboratori. La Byrne e i suoi collaboratori hanno realizzato 18 cappe da utilizzare in momenti diversi delle riprese.  

6) Nelle scene in cui lavora come chirurgo, il dottor Strange guida una Lamborghini. Per le riprese, sono state utilizzate sei Lamborghini.  

7) Uno degli obiettivi usati per le riprese del film ha una storia cinematografica unica: fu infatti utilizzato per girare il leggendario film Lawrence d’Arabia.  

8) Per calarsi nel ruolo del dottor Stephen Strange, Benedict Cumberbatch ha trascorso del tempo con svariati neurochirurghi, mentre il regista, il direttore della fotografia e lo scenografo hanno visitato diverse sale operatorie di New York per capire come ricreare un ambiente ospedaliero credibile.  

9) In Nepal, mantenere la segretezza del set è stato molto complesso: tra i nepalesi ci sono infatti moltissimi fan della serie BBC Sherlock, interpretata da Benedict Cumberbatch. La Piazza Centrale di Durban Patar era piena di appassionati che invocavano a gran voce il nome dell’attore, e così Cumberbatch si è affacciato a una finestra che dava sulla piazza per salutarli. La folla è impazzita e alcune ragazze sono addirittura scoppiate a piangere.  

10) Alcune scene sono state girate presso lo storico Exeter College dell’Università di Oxford. Negli anni il college ha ospitato molti studenti che hanno poi avuto una carriera illustre, come ad esempio J.R.R. Tolkien.  

11) Nel film il Sanctum Sanctorum è situato al 177A di Bleecker Street, un indirizzo fittizio che rende omaggio ai fumetti. Ci sono voluti 10 mesi per finalizzare il design e i dettagli del foyer del Sanctum Sanctorum, utilizzando il talento di cinque artisti.  

12) Durante le riprese a New York, Benedict Cumberbatch è entrato in un bar di Greenwich Village con il costume ancora addosso per bere un tè insieme a sua moglie e alcuni amici. I newyorkesi, che di solito sono abbastanza imperturbabili, erano sorpresi di vedere un supereroe in mezzo a loro.  

13) Poco prima delle riprese dell'ultima scena del film, Cumberbatch è entrato in un negozio di fumetti situato in una strada di New York per salutare velocemente il proprietario e i fan. La scena è stata immediatamente immortalata da centinaia di selfie che hanno fatto il giro del mondo.  

14) Il set della strada di Hong Kong, lungo 173 metri, è stato costruito su una strada secondaria dei Longcross Studios di Londra. Il set era basato su alcune fotografie di riferimento scattate dagli scenografi a Hong Kong. Il set comprendeva 35 negozi, tra cui diversi ristoranti, svariati stand gastronomici, e decine di negozi specializzati (lavanderie, meccanici, orologiai, macellerie, erboristerie, alimentari, copisterie, ecc.).  

15) La scena d’azione ambientata per le strade di Hong Kong, una delle più difficili mai realizzate dai Marvel Studios, doveva mostrare vari stadi di distruzione: le riprese hanno avuto inizio con un set completamente integro che poi è stato gradualmente distrutto dagli scenografi. Si tratta di un processo opposto a quello che vedrete nel film, in cui la scena mostrerà una città distrutta che viene lentamente ricostruita. Per riuscirci, ogni cosa doveva essere “invecchiata”, dai segnali stradali ai veicoli. Per simulare questa distruzione, gli scenografi hanno utilizzato 350 tonnellate di detriti


In questo video in esclusiva gli attori Benedict Cumberbatch Rachel McAdams e il produttore Kevin Feige ci raccontano Doctor Strange:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti