Django Unchained, il personaggio più misterioso

Chi è la donna con il fazzoletto rosso nell'ultimo film di Quentin Tarantino? Perché non mostra mai il suo volto? Ve lo sveliamo noi

Zoe Bell

Zoë Bell alla premiere di 'Hansel & Gretel', 24 gennaio 2013, Hollywood, California. – Credits: JOE KLAMAR/AFP/Getty Images

Simona Santoni

-

Ammettiamolo, c'è un gusto un po' feticista nello sviscerare in largo e in lungo Django Unchained di Quentin Tarantino, dal 17 gennaio nelle sale italiane. Abbiamo parlato delle sue 10 migliori battute , della colonna sonora da urlo , delle scene più belle , delle 5 cose da sapere , del personaggio più controverso , dei film citati , dei 10 motivi che lo fanno indimenticabile .

Ma che ci possiamo fare se Quentin di argomentazioni per il suo film già cult ce ne dà a bizzeffe. E ora, come tralasciare quell'occhiolino strizzato ai suoi fan con il personaggio più misterioso del suo spaghetti western, quella donna dal fazzoletto rosso...

Avrete subito capito a chi mi riferisco, l'unica lady tra gli scagnozzi di Calvin Candie (Leonardo DiCaprio ). La camera si sofferma un attimo di più su di lei, nel passare in rassegna quel manipolo di bifolchi e servitori crudeli. I fissati delle citazioni vedranno senz'altro nella sciarpa rossa che le copre parte del viso la stessa bandana che indossano gli sgherri del generale Hugo Rodriguez nell'originale Django (1966) di Sergio Corbucci.

Ma... che ci fa quella donna? perché ha il viso coperto? prima che Django (Jamie Foxx) arrivi nella capanna degli uomini di Candie, dando il via alla sua sanguinosa vendetta, cosa ci faceva con lo stereopticon in mano? e chi erano, nell'immagine che contemplava, i due ragazzi con una sorta di tempio alle spalle?

I misteri non sono pochi. Prima di tutto, per chi ancora non lo sa, la donna misteriosa è interpretata dalla neozelandese trentaquattrenne Zoë Bell, donna forte nata come stantwoman (è lei a far le scene più pericolose di Xena - Principessa guerriera), ovvero un'habitué dei film di Tarantino. Controfigura di Uma Thurman in Kill Bill (per cui rimase anche ferita), stunt in Bastardi senza gloria, attrice protagonista e produttrice di Grindhouse - A prova di morte.

E come mai Quentin in Django Unchained attribuisce dettagli così stuzzicanti a Zoë, senza però approfondire?

L'arcano è presto svelato: Zoë ha confessato pochi giorni fa a E! che sul copione originario per il suo personaggio era prevista una parte più ampia. C'erano dei retroscena e una sequenza di lotta. E, dulcis in fundo, dietro quel fazzoletto avrebbe dovuto rivelare una menomazione. Sotto la sua maschera c'era un segreto: "Parte del mio viso mancava". Perdindirindina, cosa ci siamo persi!

Il misterioso ritaglio di trama non è mai stato girato. Di fronte al fragore e allo spettacolo di scene dominate da Christoph Waltz, Leonardo DiCaprio e Jamie Foxx, Tarantino ha lasciato per strada alcuni dettagli.

Se vogliamo vederci di nuovo Zoë Bell in azione non ci resta che aspettare l'1 marzo per Hansel & Gretel - Cacciatori di streghe di Tommy Wirkola, dove avrà una parte più ampia e interpreterà la strega alta, e l'11 aprile per il film d'azione Oblivion di Joseph Kosinski (no, non sarà la controfigura di Tom Cruise).

django-zoebell_emb8.jpg
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Django Unchained, il personaggio più controverso

Il capo della servitù interpretato da Samuel L. Jackson è più temibile del suo padrone: è un nero che disprezza i neri, e usa la sua fedeltà come arma di perverso potere

Django Unchained, le 10 battute più belle

Sugoso e gustoso come non mai, il nuovo film di Quentin Tarantino ha una sceneggiatura da inchino: un mosaico di sagacità e lazzi. Ecco gli estratti migliori

Django Unchained, 10 motivi che lo rendono indimenticabile

Esplosivo, sanguinoso e audace, il western di Quentin Tarantino è da scolpire nella memoria. Ecco perché

Commenti