Cinema

Dietro gli occhiali bianchi, il documentario su Lina Wertmüller

Al Lido nella sezione Venezia classici, è un viaggio nella vita e nella carriera della regista

Dietro gli occhiali bianchi

Simona Santoni

-

Proprio qualche giorno fa Lina Wertmüller ha compiuto 87 anni. A lei è dedicato Dietro gli occhiali bianchi, documentario di Valerio Ruiz, suo aiuto regista e stretto collaboratore, che sarà presentato il 6 settembre alla Mostra del cinema di Venezia nella sezione Venezia Classici. 

Il film è un viaggio nella vita e nella carriera della Wertmüller, prima donna al mondo nella storia del cinema ad aver ricevuto una nomination al Premio Oscar come miglior regista, con il suo capolavoro Pasqualino Settebellezze (1975).

Dalle immagini inedite girate a Cinecittà quando era aiuto regista di Federico Fellini in 8 e 1/2, il doc ripercorre i luoghi dei suoi film più celebri, per scoprire l'universo artistico e umano di una donna che, sempre fedele alla sua vena ironica e grottesca, ha lasciato il segno in ogni ramo dello spettacolo in cui ha lavorato. Cinema, teatro, televisione, musica. Presenti anche tante interviste esclusive agli artisti testimoni di un carriera intensa, in continua evoluzione. Tra questi, Giancarlo Giannini, Marina Cicogna, Sophia Loren e molti talenti stranieri come Martin Scorsese, Harvey Keitel, Nastassja Kinski e il critico cinematografico John Simon.

Ecco il trailer di Dietro gli occhiali bianchi:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Looking for Grace a Venezia, il dispotismo del caso negli sterminati spazi australiani

L'imprevedibilità del destino e i bizzarri meccanismi famigliari in un film che affascina e disorienta. La regista Sue Brooks: "Nella vita è importante trovare momenti di grazia"

Black Mass, Johnny Depp a Venezia: "Trasformarmi è la mia ossessione" - Foto

Il Lido impazzito per il divo hollywoodiano. Stempiato, capelli giallognoli e occhi azzurri, è il gangster Jimmy Bulger nel film di Scott Cooper

Venezia 2015, Catherine Frot e la sua Marguerite inconsapevole e stonata

Intervista all'attrice francese, divertente e commovente nel film in concorso di Xavier Giannoli

Commenti