Cinema

Copia originale: intervista alla regista Marielle Heller - Video

Ecco chi era Lee Israel, grande biografa e grande truffaldina, interpretata da Melissa McCarthy nel film candidato a tre Oscar

Copia originale

Simona Santoni

-

Candidato a tre premi Oscar e vincitore di un Golden Globe, Copia originale (titolo in inglese Can you ever forgive me?) arriva nei cinema italiani dal 21 febbraio distribuito da 20th Century Fox Italia.

La comica esplosiva Melissa McCarthy incarna un personaggio controverso della New York degli anni '90, Lee Israel, scrittrice misantropa, morta nel dicembre del 2014, diventata protagonista di una truffa letteraria.
Le tre nomination agli Oscar premiano anche la sua interpretazione; sono per le categorie migliore attrice protagonista, miglior attore non protagonista a Richard E. Grant (che ha già in bacheca il Golden Globe) e migliore sceneggiatura non originale a Nicole Holofcener e Jeff Whitty. 

Dietro la macchina da presa c'è Marielle Heller, trentatreenne statunitense attrice e regista che ha già diretto l'apprezzato Diario di una teenager (2015). Di Lee Israel ha subito amato che non fosse la sua tipica protagonista femminile, che fosse un antieroe che rompe il vecchio stampo dei grintosi antieroi maschili.

La trama

Lee Israel (McCarthy) è stata un'acclamata biografa; tra gli anni Settanta e Ottanta, ha raggiunto il successo delineando le vite di Katherine Hepburn, Tallulah Bankhead, Estée Lauder e della giornalista Dorothy Kilgallen.

Quando sono subentrate difficoltà di pubblicazione, perché ormai fuori dal mercato editoriale, Lee ha impresso un ardito e irreversibile cambiamento alla sua carriera: ha indirizzato le sue doti di scrittrice verso il crimine, il furto e l'inganno, con la complicità di Jack (E. Grant), suo amico fedele e come lei solo ed emarginato dalla società nonostante la sua vitalità.

Il video

In questa clip in esclusiva, intervallata di spezzoni di Copia originale, la regista Marielle Heller ci racconta il personaggio di Lee Israel:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

10 film belli su cantanti realmente esistiti

Non solo "Bohemian Rhapsody" e Freddie Mercury. Ecco storie di musica e vita vera, ben raccontate

I 10 film americani più belli del 2018

Commedie nere, fiabe anfibie, storie ai margini... Ecco il meglio del cinema a stelle e strisce

I 10 film italiani più belli del 2018

Al primo posto la favola poetica e crudele "Lazzaro felice" di Alice Rohrwacher. Nella top ten due documentari e una commedia folle

I film più belli del 2018

Al primo posto il gioiello giapponese "Un affare di famiglia". Sul podio "Foxtrot" e "Tre manifesti a Ebbing, Missouri"

Commenti