Simona Santoni

-

Infallibile come quella sua 44 Magnum da ispettore Callaghan della serie cinematografica cult, il 31 maggio Clint Eastwood compie 85 anni, che l'hanno consacrato come una leggenda vivente di Hollywood. Faccia da bel duro, asciutto e diretto come uomo ma anche come attore e regista, sul set non ha sbagliato un colpo. 

Nato a San Francisco nel 1930, lanciato negli anni Sessanta dall'iconica Trilogia del dollaro di Sergio Leone, il mitico Clint ha cavalcato western ma pure film d'azione per diventare anche regista impegnato. I premi più importanti gli sono arrivati proprio da regista, per pellicole di cui è stato anche interprete: due Oscar nel 1993 per Gli spietati (miglior film e miglior regia), due nel 2005 per Million Dollar Baby (miglior film e miglior regia).

Il suo ultimo film, American Sniper, l'ha visto solo dietro la macchina da presa. Non ha vinto statuette prestigiose (solo l'Oscar per il miglior montaggio sonoro) ma ha conquistato il pubblico americano e anche quello italiano (con oltre 500 milioni di dollari di incassi a livello internazionale). Clint sembra sempre sapere cosa sia giusto fare, e lo sa fare bene.
In questa gallery ripercorriamo la sua carriera.

"Se qualcosa non va per il verso giusto, devi sforzarti di farcela andare. Se pensi che potrebbe piovere, alla fine pioverà". Parola di Clint. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

American Sniper, film di guerra e contro la guerra firmato Clint Eastwood

Dal 1° gennaio al cinema. Bradley Cooper è Chris Kyle, il tiratore scelto più letale di tutta la storia militare degli Stati Uniti

American Sniper di Clint Eastwood: la tempesta di critiche e polemiche punto per punto

Il cecchino protagonista del film è un eroe o un killer? Al regista accuse di propaganda e battute divertite sul bambino finto

Jersey Boys, il film di Clint Eastwood sui Four Seasons: 5 cose da sapere

Tra commedia e gangster movie, tra musical e biopic, la leggenda di Hollywood mantiene la sua solidità registica. Concedendosi di divertirsi

Commenti