Cinema

Cinquanta sfumature di nero (e di rosso): ritardi, attori, data di uscita

Riprese posticipate, budget ridotto, cambio di sedie alla regia e alla sceneggiatura. Ecco i movimenti attorno ai sequel di "Cinquanta sfumature di grigio"

Cinquanta sfumature di grigio

Simona Santoni

-

Cinquanta sfumature di grigio, il film tratto dal bestseller di E.L. James, anche se non aveva avuto i favori della critica, avevo avuto ottimi incassi al cinema, in Italia e a livello internazionale, raccogliendo in tutto oltre 570 milioni di dollari. Cifre senz'altro sufficienti a muovere verso i sequel, con conseguenti nuovi adattamenti dalla trilogia erotica.

 

I sequel di Cinquanta sfumature di grigio

Allo scorso CinemaCon di Las Vegas la Universal aveva annunciato il 10 febbraio 2017 come data di uscita di Cinquanta sfumature di nero e il 9 febbraio 2018 per il terzo e ultimo capitolo Cinquanta sfumature di rosso, entrambi - in teoria - rilasciati a ridosso di San Valentino forse per stimolare i pensieri proibiti degli innamorati.

Gli ostacoli sulla strada di Cinquanta sfumature di nero

Non pochi, però, sembrano essere gli impedimenti sulla strada del primo sequel previsto, Cinquanta sfumature di nero.
Confermati gli attori protagonisti, Jamie Dornan e Dakota Johnson, i divi al momento sono alquanto impegnati. Dakota è stata annunciata come protagonista con Matthias Schoenaerts (già insieme in A bigger splash) del prossimo dramma musicale The Sound Of Metal. Dornan sta girando a Belfast la terza stagione della serie tv The Fall.
Sarebbe proprio Dornan la causa dei recenti ritardi, secondo le voci. Le riprese di Cinquanta sfumature di nero, previste per la prima metà di febbraio in Canada a Vancouver, sono state posticipate ancora una volta. La motivazione dovrebbe essere la moglie di Jamie Dornan, che sta aspettando un bambino
Inoltre sarebbe stato ridimensionato il budget rispetto a Cinquanta sfumature di grigio: sarebbe di oltre 20 milioni di dollari e non 40 milioni come il predecessore.

Alla regia e alla sceneggiatura

I primi problemi attorno a Cinquanta sfumature di nero erano sorti quando la regista di Cinquanta sfumature di grigio Sam Taylor-Johnson aveva deciso di mollare l'avventura a causa degli accesi dissapori con E.L. James, scrittrice della trilogia e anche produttrice dei film, che lamentava una regia troppo soft e poco hard. In sostituzione, dietro la macchina da presa è arrivato James Foley, che in passato ha realizzato alcuni videoclip per Madonna (Papa Don't Preach, True Blue) e anche il film Who's That Girl (1987) con l'icona pop. 
Cambio di sedie anche in fase di scrittura. Alla sceneggiatura non c'è più Kelly Marcel, ma un tal Niall Leonard, ovvero il marito di E.L. James, già autore di diverse serie tv. Almeno, in caso di divergenze di visione, potranno amabilmente portarsele sotto il tetto di casa (o sotto le lenzuola). 

 

Intanto ecco la parodia

In attesa di essere "rassicurati" sul futuro della trilogia, i nostalgici di bondage, frustini e Stanza Rossa possono vedersi Cinquanta sbavature di Nero, la parodia che prende di mira la trilogia erotica delle Cinquanta sfumature, in particolare lo “scandaloso” Cinquanta sfumature di grigio, non risparmiando però altri cult di genere come Magic Mike e Nymphomaniac. Dai produttori di Scary Movie e Ghost Movie, la commedia diretta da Michael Tiddes con Marlon Wayans arriverà nelle sale italiane il 18 febbraio con Notorius Pictures.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

10 film erotici prima di Cinquanta sfumature di grigio

La trasposizione del bestseller di E.L. James arriva al cinema il 12 febbraio. Alle sue spalle tanti seducenti predecessori. Ecco alcuni cult del desiderio

Cinquanta sfumature di grigio, il film: "Un porno softcore per signore" - Foto

Ecco le prime recensioni internazionali sull'adattamento cinematografico del romanzo erotico di E.L. James

Cinquanta sfumature di grigio, il film: 10 cose che forse ancora non sapete

La scoperta più gradita? Dakota Johnson, eterea e sensuale

Cinquanta sfumature di grigio, i sequel e gli effetti del film

Boom al botteghino internazionale, come da copione. Ma la regista Sam Taylor Johnson molla il timone

Commenti