"La buca" di Daniele Ciprì, l'inizio del film - Video

Opera seconda da solista del regista siciliano, ha come protagonisti l'insolito duo Sergio Castellitto e Rocco Papaleo

La buca

La buca – Credits: Lucky Red

Simona Santoni

-

Nuova e seconda avventura in solitaria per Daniele Ciprì da quando è terminato il suo sodalizio registico con Franco Maresco. 
Dopo il brillante esordio con È stato il figlio, premiato per il suo contributo tecnico alla Mostra del cinema di Venezia del 2012, il cineasta siciliano torna con La buca, storia di un'involontaria amicizia tra un avvocato fallito e senza scrupoli e un ex detenuto che ha scontato venticinque anni di carcere per un reato mai commesso, mantenendo, nonostante la profonda ingiustizia subita, una bontà d'animo impeccabile.

La strana coppia è formata da un duo di attori insolito, Sergio Castellitto e Rocco Papaleo. Il film arriverà al cinema il 25 settembre, distribuito da Lucky Red.

Un cane arruffato è l'inconsapevole pretesto dell'incontro di queste due umanità disordinate e precarie. Morso dall'animale, Oscar (Castellitto), avvocato burbero sempre alla ricerca di spunti truffaldini, vuole trarre profitto dall'incidente e fare causa al malcapitato proprietario, Armando (Papaleo). Quando però scopre che Armando è in realtà un povero disgraziato appena uscito di galera dopo aver ingiustamente scontato una lunga pena, l'obiettivo cambia e la posta in gioco si alza: perché non intentare una causa milionaria ai danni dello Stato?
Nel nome del riscatto, i due diventano detective alla ricerca di indizi e prove e nasce un’amicizia improbabile e divertente. Tra loro Carmen (Valeria Bruni Tedeschi), barista dall'animo sensibile con un passato insieme all’uno e un possibile futuro insieme all'altro…

In questo video in esclusiva l'inizio del film, aperto da simpatici titoli di testa animati. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La moglie del cuoco, divertente commedia di Anne Le Ny - Video in anteprima

Dal 16 ottobre al cinema, unisce in un garbato intreccio di sentimenti un brillante trio di attori francesi: Karin Viard, Emmanuelle Devos e Roschdy Zem

Daniele Ciprì: "Dopo Venezia Bellocchio mi saluta ancora"

Il regista di È stato il figlio: "La vittoria più importante? Aver fatto emergere il giovane talento Fabrizio Falco"

È stato il figlio: a Venezia la tragedia greco-palermitana di Daniele Ciprì

"Non volevo fare questo film", ammette il regista alla sua prima prova in solitaria. "Avevo paura". Ma il debutto del primo italiano in concorso al Lido raccoglie applausi

Commenti