Simona Santoni

-

Dal 9 luglio arriva al cinema una nuova avventura della saga Terminator, Terminator Genesys. Era il 1984 quando James Cameron dava vita al film pietra miliare, Terminator. Era Arnold Schwarzenegger l'eroe tutto muscoli e sguardo d'acciaio, destinato a diventare volto simbolo della serie incentrata sui cyborg autocoscienti. 

Dopo un lungo intermezzo in politica, dismessi i panni da governatore della California, l'attore torna l'uomo d'azione - sul grande schermo - che conoscevamo. Per lui è il quarto capitolo della serie a cui prende parte sui cinque finora realizzati (è mancato solo in Terminator Salvation del 2009, che doveva essere il primo di una nuova trilogia, ma così non è stato a causa di incassi non soddisfacenti e problemi finanziari della Halcyon Company proprietaria dei diritti del franchise). 

Nel 1984 Scharzy aveva 37 anni, ora ne ha 68. Ma, come dice in Terminator Genesys, è "vecchio, ma non obsoleto". Ripercorriamo (anche in immagini) la sua evoluzione e il suo cambiamento (fisico e del personaggio) nei vari film della saga. 

TERMINATOR, 1984 
Implacabile, dalla forza sovrumana, muscoli e pettorali dirompenti, in alcune scene simile a un Hulk punk, Arnold Schwarzenegger ha 37 anni e fa il suo debutto come Terminator, T-800, cyborg venuto nell'anno 1984 da un futuro 2029 al fine di uccidere Sarah Connor, la madre di quello che diventerà il capo della resistenza umana contro le macchine ribelli. Schwarzy è in grande forma, anche senza occhio nell'orbita e carne bruciacchiata. È una macchina inarrestabile che non smette mai di fare quello per cui è programmata. "I'll be back", dice  (traduzione "Tornerò", nella versione italiana resa "Aspetto fuori" per esigenze di labiale). La frase è diventata epica. Schwarzy è diventato una stella.

TERMINATOR 2 - IL GIORNO DEL GIUDIZIO, 1991
Ancora James Cameron alla regia. Schwarzy ha 44 anni, in forma impeccabile e impassibile. Questa volta, come Terminator T-800, ha uno "schizofrenico" cambio di ruolo: è colui che dal futuro arriva al 1997 per salvare Sarah Connor e suo figlio John. Lo salva da un altro Terminator, più moderno e composto da metallo liquido.

TERMINATOR 3 - LE MACCHINE RIBELLI, 2003
Cambio alla regia, ora affidata a Jonathan Mostow. A 56 anni Schwarzenegger è ancora un Terminator che giunge dal futuro, ma questa volta un T-850, esteriormente uguale al T-800 che salvò Sarah e John Connor, nella sostanza tecnologicamente più avanzato. Fisicamente Arnold se la cava ancora benone e anzi vuole indossare la stessa taglia del giubbotto di pelle del secondo episodio. Il suo personaggio diventa più umano e anche simpatico.

TERMINATOR GENESYS, 2015
La regia è di Alan Taylor, lo stesso di Thor: The Dark World. A 68 anni Schwarzy ha ancora una presenza scenica incredibile, seppur non molto sfruttata. Tra viaggi nel tempo e strane rievocazioni, è ancora il suo nudo del 1984 (un T-800 ricreato in digitale) o la sua fisicità vecchia ma non obsoleta a far presa. La freddezza glaciale di un tempo si è stemperata nei sentimenti. Ora è addirittura Guardiano, o "papà", di Sarah Connor.

© Riproduzione Riservata

Commenti