Cinema

A Venezia Ad Astra: con Brad Pitt un viaggio negli abissi spaziali e interiori

Una storia intima e molto personale che ha a che fare con l'immensità del cosmo. Il film in concorso di James Gray divide

Venezia 76

Simona Santoni

-

"In un futuro prossimo, in tempi di speranza e conflitto", si muove l'esplorazione spaziale e interiore di Brad Pitt in Ad Astra, film in concorso alla Mostra del cinema di Venezia, edizione 76. Applausi e qualche lievissimo brontolio accogle lo sci-fi diretto da James Gray nella proiezione per la stampa in Sala Grande.

Ad Astra sembra dividere: o ci si perde, per poi ritrovarsi, insieme al cosmonauta ferito dall'abbandono paterno, che lascia tutto per infine ritornare a quell'umanità così sola e piccola ma calda; o si rimane a fredda distanza, senza immergersi nei peripli mentali e spaziali del protagonista. Noi abbiamo viaggiato insieme a lui. Con commozione. Sentendo il suo dolore e l'anelito all'amore, suo e di tutti.

 

Pitt è il maggiore Roy McBride, un astronauta scrupoloso e concentrato sul suo lavoro, con una devozione quasi meccanica che cela passati strappi emotivi da riparare. È impegnato a localizzare forme di vita aliena nell'Antenna Spaziale Internazionale, quando un improvviso sbalzo di corrente gli costa quasi la vita. Allarmanti impennate elettriche, causate da misteriose esplosioni radioattive, stanno mettendo periodicamente a soqquadro la Terra, causando incidenti vari.
Roy è convocato per una missione speciale: andare all'origine di questo strano picco energetico. L'incarico si incrocia fatalmente con il nodo irrisolto della sua esistenza: la scomparsa di suo padre (interpretato da Tommy Lee Jones), astronauta capitano del Progetto Lima, una vecchia missione la cui navicella spaziale è sparita nel nulla, sedici anni dopo il lancio. Compito del Progetto Lima? Ricercare altre forme di vita nello spazio, al di là dei confini di Nettuno. 

"Dopo una mostra ho visto la citazione 'La storia e il mito iniziano sempre nel microcosmo personale' e l'ho mandata a Brad", racconta il regista Gray al Lido. Pitt, infatti, oltre che attore è anche produttore di Ad Astra. Da questa riflessione, è nato un film che è una storia intima e molto personale che ha a che fare con l'immensità dello spazio

In Ad Astra vediamo Pitt volare verso la Luna, ormai suolo conquistato dai terrestri, anzi, conteso nella corsa ad accaparrarsi risorse. E poi eccolo da lì proseguire verso Marte, dove è accolto dalla sovrintendente della sezione americana (Ruth Negga). Nel suo peregrinare è assorto in pensieri che ascoltiamo e a volte sentiamo anche nostri. "Mi vedo da fuori. Sorrido, recito, mentre cerco una via d'uscita. Cerco sempre una via d'uscita". "Dovrei provare qualcosa, sono sopravvissuto". Roy/Pitt ripercorre mentalmente anche scene di vita passata, le assenze, di suo padre, le mancanze, con la sua ex fidanzata (Liv Tyler).

Certe volte Ad Astra ricorda Gravity, nella solitudine spaziale, ma riesce ad essere più viscerale e intimo. Certe volte ricorda Locke, nello stremo tentativo di un uomo adulto di lasciarsi alle spalle le colpe paterne (in questo caso, nel confronto di meriti tra film, è un passettino indietro). 

"Trovo molto intigrante questo rapporto padre-figlio", dice Pitt, sorridente e gentile, al Lido. "James e io siamo amici da metà degli anni '90. Aveva appena finito Civiltà perduta quando mi ha proposto Ad Astra". E ancora: "È stato un film che ci ha messo di fronte a molte sfide, che lavora su più fronti e ha molto da dire. Si pone anche domande sul perché siamo qui". 

È il dubbio di tutti. La risposta, chissà. Gray, però, la sua risposta così vicina, così piccola e lontana da ricerche cosmiche, forse ce l'ha. È tutta nella mano umano sconosciuta che Roy/Pitt si vede di fronte, ad accoglierlo al ritorno. È tutta nella sua frase semplice, tra sé e sé: "Aspetto con ansia il giorno in cui finirà la mia solitudine. E sarò a casa". 

E Pitt, similmente, il conforto lo trova tra luoghi e volti cari: "Lo spazio, soprattutto in questo film, è un luogo molto sperduto e solitario. Mi sento molto più a mio agio in spazi aperti, nella natura, insieme ai miei amici".

Voto: 3/5
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

A Venezia Le verità (e le bugie) di Catherine Deneuve e Juliette Binoche

Le due attrici francesi sono una madre e una figlia alla resa dei conti. Orchestra Hirokazu Koreeda, al suo primo film non in giapponese: non tocca i suoi vertici ma emoziona

Mostra del cinema di Venezia 2019, i film più attesi

Al via l'edizione numero 76 del Festival, tra dive francesi e star di Hollywood. Ecco i film che non vediamo l'ora di vedere

Mostra del cinema di Venezia 2019: tutti i film in concorso

Tre gli italiani in corsa per il Leone d'oro: Franco Maresco, Pietro Marcello e Mario Martone. Tra i grandi attesi "Joker" con Joaquin Phoenix

Venezia 2019, La vérité di Kore-eda Hirokazu film di apertura

Spetta al regista giapponese aprire la Mostra il 28 agosto, con il suo duo di dive francesi, Catherine Deneuve e Juliette Binoche

Commenti