Simona Santoni

-

Per lo più belle, anzi bellissime, ma soprattutto carismatiche. Guardando ai film usciti nelle sale italiane nel 2014, stiliamo la nostra classica delle attrici migliori dell'anno. 

10) Jennifer Lawrence

Nella top ten dell'anno come potrebbe mancare l'attrice americana tra le più pagate di Hollywood?! Nonostante la sfilza di successi raccolti recentemente, Jennifer Lawrence non è ai primi posti della nostra top ten. La grintosa ragazzona americana ha iniziato il 2014 nel modo migliore, con una scintillante interpretazione di una donna instabile ed euforica in American Hustle - L'apparenza inganna, con tanto di Golden Globe vinto. È passata poi per un blockbuster di successo come X-Men: Giorni di un futuro passato. Poi però ha incassato un piccolo flop con Una folle passione di Susanne Bier, film dimenticabile. Ed è sembrata monocolore e meno decisa del solito in Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte I, più simile a una dibattuta Bella di Twilight che all'eroina di una rivoluzione.

9) Anne Dorval

Abbastanza sconosciuta in Italia, l'attrice canadese ha regalato un'interpretazione viscerale, screziata e potente in Mommy di Xavier Dolan. È lei la "mammina" del titolo, genitrice colorita ed energica di un adolescente irrequieto e violento. Non è propriamente raffinata, veste in maniera provocante ed è facilmente alterabile, ma a suo modo è una madre coraggio.

8) Mia Wasikowska

Al festival di Cannes 2014 è stata premiata l'interpretazione della sempre bravissima Julianne Moore in Maps to the Stars di Cronenberg. Della divina Moore avremo però modo di parlare il prossimo anno in tante occasioni (Still Alice, Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte II, Il settimo figlio). Nello stesso film di Cronenberg è stata notevole anche la performance di Mia Wasikowska, attrice australiana dal visino simpatico e disinvolto, interprete sempre più matura e carismatica capace di passare dai ruoli più solari a quelli più scuri (è stata anche la vampira di Solo gli amanti sopravvivono). In Tracks - Attraverso il deserto si è portata sulle spalle quasi due ore di film in solitaria, con classe e consapevolezza.

7) Tilda Swinton

Incredibile e irriconoscibile Tilda Swinton. La sua attività principale quest'anno? L'imbruttimento e il mascheramento. Ha dato vita a caricature memorabili. È stata la diabolica e cinica Mason dagli occhialoni e dai denti all'infuori nel treno di Snowpiercer, quindi l'ottuagenaria Madame D. di Grand Budapest Hotel. Capelli lunghissimi color platino e pallore cadaverico, eccola algida vampira di Soli gli amanti sopravvivono. Sublime.

6) Emma Thompson

Forse la sua performance è stata un po' snobbata ma l'attrice britannica è stupenda nei panni dell'autrice di Mary Poppins in Saving Mr. Banks, così gustosa nei suoi modi insopportabili e distruttivi, così tenera nelle fragilità che raramente lascia intravvedere. È Emma Thompson la "medicina" che salva il film dall'essere troppo zuccheroso.

5) Lupita Nyong'o

Il 2014 è stato per Lupita Nyong'o un anno d'oro: da quasi sconosciuta l'attrice keniota è diventata una vera diva del cinema grazie a 12 anni schiavo e al conseguente Oscar come migliore attrice non protagonista. Scelta come testimonial di tante campagne fashion, il prossimo anno la vedremo in niente meno che Star Wars: Il risveglio della Forza.

4) Eva Green

L'attrice francese quest'anno ha sfoderato tutto il suo fascino diabolico. Ha rapito l'attenzione, seppur inteprete di ruoli non da assoluta protagonista. "La sua ferocia è inferiore solo alla sua bellezza" come letale e imprevedibile Artemisia di 300 - L'alba dell'impero. In Sin City - Una donna per cui uccidere è una sexy incantatrice di uomini che vale da sola il prezzo del biglietto.  

3) Scarlett Johansson

L'attrice americana finora è stata sempre snobbata dagli Oscar (non è mai stata nominata come attrice protagonista o non protagonista). L'attrice americana continua comunque a inanellare successi. Quest'anno è stata l'ironica e sinuosa Vedova Nera di Captain America - The Winter Soldier e, soprattutto, l'intrigante voce di un OS nel magnifico Lei. È stata un'aliena algida ma seducente in Under the Skin e la ragazza dalla super intelligenza di Lucy, thriller di Luc Besson affascinante e non del tutto riuscito ma pur sempre campione di incassi.

2) Veerle Baetens

Alabama Monroe – Una storia d'amore è stato uno dei contendenti per l'Oscar al miglior film straniero 2014, assegnato poi con grande gioia italiana a La grande bellezza di Paolo Sorrentino. Oltre ad averci consegnato una storia struggente e passionale al ritmo di bluegrass, il film fiammingo ha avuto il merito di farci conoscere Veerle Baetens, attrice e cantante belga autrice di una prova magnetica e verace. Speriamo di vederla presto in qualche altra pellicola. 

1) Angelina Jolie

È indubbiamente lei, la divina Angelina Jolie, la regina della classifica. Tornata finalmente alla recitazione, da cui mancava da The Tourist (2010), la sua Malefica è destinata a diventare iconica. Maleficent si concentra sulla cattiva del mondo Disney e lo fa con spunti intriganti ma anche con pericolose anse della sceneggiatura. Nonostante ciò, però, lei, la Malefica Angelina, è stupenda. Pur con corna in testa e zigomi accentuati, è di una bellezza inebriante. E la sua interpretazione è statuaria. Quando compare sullo schermo, tutto il resto non conta. Non è un caso se Maleficent è il film leader degli incassi quest'anno in Italia.




© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Maleficent con Angelina Jolie: 16 curiosità sul film Disney

Dagli zigomi in silicone applicati al volto dell'attrice a sua figlia Vivienne nei panni della piccola Aurora, ecco alcuni dettagli sul lungometraggio firmato Robert Stromberg

Alabama Monroe - Una storia d'amore, un film struggente: 5 cose da sapere

Dietro una vicenda personale pulsa la musica bluegrass e l'atavico conflitto tra ragione e religione. Con una magnetica Veerle Baetens

Lucy, audace sci-fi di Luc Besson: 5 cose da sapere

Non privo di altalenante fascino nelle sue stravaganti conclusioni, è un thriller di fantascienza aggressivo

Commenti