Casa

Roomba e i migliori aspirapolvere robot del 2014

A rulli o a spazzole? Con vaschetta o a panno? Ecco una rapida carrellata sui migliori mangiapolvere automatici presenti sul mercato

In origine fu il Roomba. Poi, col passare del tempo, il Pianeta Terra cominciò a popolarsi di altri inquietanti oggetti non identificati con il corpo di un disco volante e l'anima di un aspirapolvere. Creature programmate tutte per la stessa missione: liberare l'umanità dalla polvere.

A distanza di 12 anni dal primo rudimentale esemplare di aspirapolvere-robot possiamo dirlo: i casalinghi e le casalinghe disperate che non hanno tempo né voglia di sporcarsi le mani con le faccende di case possono oggi delegare le faccende di casa a una nutrita schiera di domestici automatizzati. Basta entrare in un negozio di elettronica di consumo e scegliere il modello giusto: a rulli o a spazzole, con vaschetta o a panno, economici o costosi. C'è solo l'imbarazzo della scelta.

In questa breve guida vi spieghiamo cosa offrono e quanto costano i migliori robot aspirapolvere presenti sul mercato [Scorri Avanti per continuare].

#10 Vileda Relax (199 euro)

Poteva uno specialista delle pulizie come Vileda rimanere indifferente al fascino degli aspirapolvere-robot? No, non poteva. Ecco quindi Relax, che non è solo il robot di punta della casa del Gruppo Freudenberg ma anche una delle soluzioni più economiche del mercato. C'è tutto o quasi quello che serve per rimuovere la polvere in tutta autonomia: due spazzole controrotanti (rimovibili per la pulizia tramite il sistema Easy Click) e una spazzola laterale per pulire negli angoli e lungo i bordi. E poi ci sono tre programmi di "lavoro" da selezionare: uno flash (della durata di 5 minuti) per lo sporco concentrato, uno medio (30 minuti) per le stanze fino a 20 mq e uno lungo (un'ora circa) per la pulizia di tutta la casa.

#9 Ariete Briciola (200 euro)

Nel settore degli elettrodomestici il marchio Ariete si è sempre distinto per la capacità di combinare prestazioni, prezzo, consumi energetici e design. Non fa eccezione Briciola, il primo aspirapolvere-robot della casa, in vendita da qualche mese al prezzo di 200 euro. Si tratta di un disco dalle dimensioni piuttosto contenute capace di orientarsi in tutti o quasi i punti critici della casa grazie a una serie di sensori anticaduta. Se tutto questo non dovesse bastarvi, sappiate anche che il robottino di Ariete è stato programmato per lavorare secondo sei differenti programmi di pulizia.

#8 Philips Homerun (599 euro)

Desing gradevole e attenzione per i particolari sono le caratteristiche più evidenti di questo aspirapolvere-robot dotato di tre “occhi” - una videocamera integrata, sensori e software - per non perdere mai l'orientamento. Da sottolineare l'eccellente potenza di aspirazione (65 Watt) e la presenza di una presa Usb grazie alla quale è possibile aggiornare il software del robot e in particolare i programmi di pulizia.

#7 Hoover Robocom 2 (da 299 euro)

La seconda generazione di aspirapolvere robot di Hoover fa della potenza di aspirazione e dell’autonomia (fino a 2 ore) il suo punto di forza. Il sistema RoboCom può operare sia in manuale (attraverso un telecomando in dotazione) sia attraverso una serie di programmi predefiniti, ma è possibile anche utilizzare una modalità intelligente (AAi) che sfrutta un calcolo algoritmo che seleziona e alterna automaticamente fino a 4 differenti programmi di pulizia. Prezzi: 299 euro per il modello RBC003, 329 euro per RBC006 e 399 euro per il top di gamma (RBC009).

#6 Neato Botvac 85 (549 euro)

È uno degli ultimi arrivati ma si è già messo in mostra per alcune qualità che lo differenziano dal Roomba e da tutti i suoi fratelli. Una su tutti: la presenza di una serie di sensori laser che effettuano la scansione completa dell’area da pulire. Apprezzabile poi la scelta di utilizzare come sistema per confinare l'area di lavoro alcune strisce magnetiche al posto dei classici “muri virtuali” a batteria . Da rivedere, invece, design (la forma del robot ricorda uno dei fantasmi della serie di videogame Pac-Man) e la meccanica: rispetto ai modelli più affermati sul mercato il BotVac di Neato lamenta una certa difficoltà a superare gli ostacoli più impegnativi.

#5 iRobot Braava 380 (319 euro)

Se Roomba è l’aspirapolvere robot per antonomasia, Braava rappresenta l’alternativa funzionale (oltre che economica) per la pulizia di casa: Braava non è infatti un vero e proprio aspirapolvere ma un “cattura-polvere” che funziona tramite i panni riutilizzabili della casa o, in alternativa, anche i classici panni usa e getta (tipo Swiffer). Ciò consente al robot di comportarsi all'occorrenza anche da lavapavimenti: nella versione 380, infatti, Braava comprende una vaschetta porta-detergente per inumidire il panno in microfibra e passare casa come fosse una vera massaia.

#4 Samsung Navibot S (749 euro)

Da fuori è uno dei modelli più avveniristici del mercato e lo si capisce già guardando quel luminosissimo display Led touch che sembra tirato fuori da un film di fantascienza. Oltre al fumo c'è anche l'arrosto, comunque: Samsung Navibot S promette di non perdere mai la trebisonda potendo sfruttare un sofisticato sistema di mappatura degli ambienti (Visionary Mapping Plus) che sfrutta un obiettivo e due microprocessori integrati per catturare fino a 30 immagini al secondo. Quando torna alla base, poi, Navibot S viene svuotato automaticamente grazie a un sistema di aspirazione integrato che può contenere fino a 2 litri di polvere. L’autonomia è di circa 90 minuti.

#3 Worverk Folletto VR100 (649 euro)

Dici Folletto e pensi subito a uno degli aspirapolvere più aristocratici della storia degli elettrodomestici. E invece poi scopri che la casa tedesca ha da poco messo a catalogo un originale aspirapolvere-robot che, grazie alla sua caratteristica forma a “D”, punta ad adattarsi a tutti gli angoli della casa. Si chiama VR100 e si distingue da tutta la mandria di robot impertinenti nati sotto il segno del Roomba per un sistema di navigazione che promette di mappare in continuo gli ambienti di casa suddividendoli in quadrati 4x4 metri.

#2 LG Homebot Square (da 499 euro)

Già dal nome (letteralmente “robot casalingo quadrato”) si intuisce qual è la caratteristica principale di questo modello: la sua capacità di infilarsi perentoriamente in tutti gli angoli della casa. Oltre al physique du role c'è poi anche un "cervello" (una telecamera superiore per mappare il soffitto e una inferiore per il pavimento) e gli "occhi" (una serie di sensori a ultrasuoni) per muoversi con dinvoltura su tutto il percorso domestico, riconoscendo gli ostacoli frontali ed evitando gli urti. Fra i plus la silenziosità (60 dB con la possibilità di disattivare le notifiche sonore) e la presenza di una modalità turbo che garantisce una potenza aspirante supplementare laddove serve (ad esempio sui tappeti).

#1 iRobot Roomba Serie 800 (da 649 euro)

Passano gli anni ma il Roomba resta ancora il prodotto da battere. Soprattutto dopo che l’ultimo aggiornamento (Roomba Serie 800) ha portato in dote due rulli in gomma controrotanti decisamente più efficaci (e puliti) del precedente sistema a spazzole. La società americana promette un miglioramento dell’efficacia nella pulizia, nonché dell'autonomia, di circa il 50%. Migliorata anche la silenziosità (circa 3-4 dB in meno rispetto al 780) e la capacità della vaschetta di raccoglimento (60%). Piuttosto elevato il prezzo che va dai 649 euro del Roomba 870 ai 749 euro del Roomba 880 (con barriere virtuali). [Per saperne di più]

Ti potrebbe piacere anche