Meccanica

Continua l'avventura di Borile alla ricerca della moto perfetta

Il piccolo produttore di motociclette "da campagna" lancia nuovi modelli e studia un motore "rivoluzionario"

Guido Fontanelli

-

In un mondo di moto sempre più potenti e, nel fuoristrada, sempre più alte ed estreme, c'è un uomo che insegue un sogno controcorrente: realizzare motocilette facili, leggere, basse, che permettano anche a chi ha una certa età di concedersi una bella galoppata su strade bianche. L'uomo si chiama Umberto Borile (nella foto), ha il suo laboratorio-fabbrica in Veneto, a Vò Euganeo, e dal 1997 è presente sulla scena delle due ruote con una serie di modelli molto particolari, tirati in piccoli numeri. La prima moto a marchio Borile fu la B54T, una rivisitazione dell'off-road classico ispirato agli anni Sessanta, seguita dalla Multiuso, moto ultraleggera (84 chilogrammi!) da campagna.

L'avventura di Borile è proseguita negli anni con alti e bassi e ora segna una nuova tappa, sia sul fronte dei prodotti, sia su quello aziendale. Per quanto riguarda l'assetto societario, la Borile ha raggiunto un accordo con Administra, società  veronese operante nel settore automotive guidata da Filippo Manara, che si occuperà della gestione e dello sviluppo del piccolo produttore. Al manager Maurizio Zucchi, responsabile commerciale, è affidato il compito di realizzare la nuova rete distributiva italiana ed estera.

Per quanto riguarda i prodotti, continuerà  la produzione della Multiuso, affiancata dalla nuova MdV 300 da enduro (114 chilogrammi, 27 cavalli) e inoltre, con le ruote tassellate, ci sarà la B500 Ricki. Verrà realizzato un modello 250 cc pensato per le gite stradali e accessibile a tutti per altezza sella e peso, che, proprio per queste caratteristiche, sarà  apprezzato soprattutto dal pubblico femminile. In programma una 450 cc stradale sullo stile delle vecchie Bsa Gold Star e, infine, una 550 cc mezza carenata per raid e moto rally. Non solo: Umberto Borile sta realizzando un nuovo motore dotato di una rivoluzionaria distribuzione. 

© Riproduzione Riservata

Commenti