Schermata 2015-09-29 a 15.29.36
Hi-Tech

Dainese veste anche gli astronauti

La società veneta specializzata in abbigliamento per moto e sci collabora con l'Agenzia spaziale europea

Dainese vola. E non solo grazie agli straordinari risultati di Valentino Rossi e degli altri campioni di Moto Gp che utilizzano le sue tute. L’azienda veneta produttrice di abbigliamento sportivo, fondata nel 1972 da Lino Dainese e da allora sempre in prima linea nell’innovazione tecnologica legata al motociclismo, sta vivendo un momento di grandi cambiamenti. Per esempio, Dainese ha contributo alla realizzazione della SkinSuit, underwear termico progettato per essere indossato all’interno della Stazione Spaziale Internazionale, con l’intento di ricreare il carico di gravità che l’uomo subisce sulla terra.

La SkinSuit permette di simulare la forza di gravità riproducendo nel modo più fedele possibile la gravità normale che aumenta gradualmente partendo dalle spalle fino ad arrivare ai piedi. Non solo. A fine 2015 la Dainese ha acquistato il controllo di una società svedese molto cool, la Poc, che produce caschi e protezioni per il mondo dello sci e della bicicletta. Passata alla fine del 2014 sotto il controllo di Investcorp, colosso finanziario quotato alla Borsa del Bahrain, la Dainese aggrega tre marchi premium nel mercato degli sport dinamici (Dainese, Agv e Poc) ed è guidato da Cristiano Silei (foto), un passato tutto in Ducati. Il fatturato è proiettato verso i 200 milioni di euro.

Punto di forza sono le giacche per motociclisti, in particolare quelle dotate di air bag che non richiede nessun “collegamento” alla moto, ma che con un sistema di sensori è grado di monitorare i movimenti del pilota 800 volte al secondo, e decidere l’attivazione del sistema di sicurezza.

Un impegno che si allarga al mondo dei caschi, con il marchio Agv, e coinvolge anche altre discipline sportive, come lo sci, il ciclismo e l’equitazione. L’esportazione fa comunque la parte del leone, con il 78% delle vendite che viaggiano fuori dall’Italia. L’obiettivo ora è di portare la tecnologia cresciuta sulle piste anche a disposizione della vita quotidiana, per migliorare ulteriormente la sicurezza. Sulla terra e non solo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti