Schermata 2016-07-11 a 19.22.50
Hi-Tech

Dai motori per lavatrici all'auto elettrica, l'avventura della Askoll

Fonda un'azienda di motori per acquari, poi diventa fornitore mondiale degli elettrodomestici. Ora lancia bici e scooter. L'incredibile storia di Elio Marioni

C’è un imprenditore a Dueville (Vicenza) che non si accontenta di essere diventato leader mondiale nei motori per elettrodomestici, partendo dai motorini per gli acquari. No. Ora lui vuole rivoluzionare anche il settore della mobilità elettrica. E, visti gli antefatti, è possibile che ce la faccia. L’uomo si chiama Elio Marioni (foto), classe 1950, toscano d’origini, vicentino d’adozione. Inizia la sua carriera giovanissimo alla Zoppas dove a soli 28 è già dirigente. Ma fare il manager non gli bastava.

Nel 1978 fonda la Askoll. Primo obiettivo: i motori elettrici che alimentano gli acquari. Le sue innovazioni diventano degli standard per il settore e la crescita dell’azienda permette a Marioni di tornare al sua vecchio amore: gli elettrodomestici. Qui la capacità di studiare motori sempre più efficienti gli fa guadagnare la stima dei grandi gruppi e, un po’ per crescita interna, un po’ con acquisizioni (come la Emerson Appliance Motors Europe), la Askoll diventa uno dei maggiori produttori mondiali di motori elettrici e pompe per lavatrici e lavastoviglie. Oggi la società veneta vanta un fatturato di oltre 300 milioni di euro con 2.500 lavoratori dipendenti, di cui 200 ricercatori, ed è presente in Slovacchia, Romania, Brasile, Messico e Cina.

Grazie all’esperienza maturata nei motori elettrici ad alta efficienza energetica, Marioni si è buttato in una nuova avventura: dopo tre anni di ricerca, con il contributo di un pool di tecnici delle principali case ciclistiche, automobilistiche e motociclistiche italiane, il gruppo ha lanciato un modello di bicicletta a pedalata assistita e uno scooter elettrico a marchio Askoll.

Una sfida che l’imprenditore conta di vincere offrendo, rispetto ai concorrenti, più autonomia, più affidabilità, un design più accattivante. Non solo: il prossimo passo è una vettura elettrica, una mossa che renderà l’azienda veneta il primo produttore e distributore italiano di una gamma di veicoli elettrici Made in Italy. Infatti, progettazione e realizzazione dei veicoli, in particolare il design, il motore elettrico, la centralina elettrica e il gruppo di trazione, avvengono negli stabilimenti vicentini.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti