Schermata 2016-09-15 a 10.44.02
Hi-Tech

Con Sparkling18 tutte le vie portano in negozio

La società ha creato un sistema di pagamento elettronico che accompagna il commerciante su ogni canale

Quello dei pagamenti digitali è un mondo in continua evoluzione, dove fondamentale è intercettare il modello giusto. A provarci in maniera innovativa è adesso Sparkling18, società nata tre anni fa per opera del 39enne Imanuel Baharier (foto), già direttore generale di Verifone Italia, che insieme con il cofounder e amico Giuseppe Virgone e i fratelli Massimo e Alessandro Ermolli, detiene oltre il 50 per cento della proprietà.

Sparkling, sede a Milano e filiale con centro ricerca e sviluppo a Palermo, si è spinta dove altri non sono andati realizzando un sistema di pagamento, vendita  coinvolgimento della clientela omnichannel, ovvero un unico punto di riferimento sia che si tratti di acquisti in negozio oppure online attraverso computer o smartphone. “Mi spiego: oggi un negoziante deve essere necessariamente omnichannel, perché l’online deve e può diventare il canale della fidelizzazione: qui un cliente può guardare, scegliere un acquisto, prenotare una prova in negozio o applicare dei buoni sconto” spiega Baharier. “Se un negoziante è soltanto double channel, compartimentato, e tiene separato il magazzino reale da quello virtuale, potrebbe accadere che il cliente entri in negozio e poi vada altrove online per acquistare”.

Il metodo e la piattaforma software elaborati da Sparkling18, il cui piano quinquennale prevede di arrivare ai 7 miliardi di capitale transato, si differenzia ad esempio da altri sistemi di pagamento come Paypal  perché non è in concorrenza con le banche, anzi collabora con loro. “Noi offriamo elaborazione dei pagamenti, servizi a valore aggiunto come coupon e punti fedeltà o vendita diretta attraverso la nostra market place” spiega il fondatore. “Ma soprattutto stringiamo accordi con le banche o grandi retailer costruendo loro un sistema omnichannel per  i clienti. E’ importante, perché noi guadagnano applicando una infinitesimale percentuale su ogni transazione. E se chi paga attraverso i nostri sistemi sono i milioni di clienti bancari, non abbiamo bisogno di inseguire affannosamente i privati”.

Ciò che distingue la tecnologia di Sparkling18, che non esclude una prossima quotazione, è una soluzione “aperta”, che aggrega strumenti e tecnologie diverse. E’ in grado di supportare tutte le tecnologie esistenti sul mercato siano esse blutooth, Masterclass o infrasuoni, si inserisce nel circuito del credito e del debito esistenti, è certificata e sicura e non carica i negozianti di costi aggiuntivi. Tra i partner o i clienti già acquisiti figurano, tra gli altri, Vodafone, Monte dei Paschi, il Sole 24 Ore, Aci-Automobile club Italia, Poste Italiane, Bassilichi (anche investitore) e Sia, leader nei servizi interbancari.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti