La rivoluzione della moblilità elettrica: ecco il piano Enel X

Enel X

Guidare un veicolo elettrico non è più una scelta per pochi, ma una realtà che ormai sta prendendo sempre più piede. Ad oggi sono più di 4 milioni i veicoli elettrici venduti nel mondo e anche in Italia ci sono importanti segnali positivi con un’accelerazione delle immatricolazioni, tra plug-in ed elettriche, che raddoppiano nei primi 8 mesi del 2018 rispetto allo stesso periodo del 2017. Se il presente è incoraggiante, il futuro dunque sembra già tracciato. Tuttavia ancora oggi esiste ancora un fattore che frena i potenziali acquirenti: la cosiddetta range anxiety, ovvero la paura di rimanere per strada ‘a secco’ di energia e senza una stazione ‘elettrica’ in vista. La soluzione al problema è rappresentata dall’impegno che sta portando avanti Enel X, la divisione dedicata a soluzioni intelligenti e prodotti innovativi di Enel guidata da Francesco Venturini, che lo scorso anno a Vallelunga ha presentato un piano nazionale per la realizzazione di una rete capillare di infrastrutture di ricarica che in pochi anni ambisce a coprire tutto il territorio nazionale, con l’installazione di circa 14mila stazioni di ricarica entro il 2020 per arrivare a 28mila nel 2022.

Nella realizzazione del programma Enel X investirà tra i 200 e i 300 milioni di euro per una rete che sarà composta da colonnine Quick (22 kW) nelle aree urbane e Fast (50 kW) e Ultra Fast (150 kW), per la ricarica veloce, in quelle extraurbane. Tra queste ultime rientrano le stazioni di ricarica del progetto europeo EVA+ (Electric Vehicles Arteries), co-finanziato dalla Commissione Ue e coordinato da Enel in collaborazione con l’utility austriaca Verbund e le case automobilistiche Nissan, Renault, BMW e Volkswagen. EVA+ prevede l’installazione di 200 stazioni di ricarica Fast, di cui 180 in Italia e 20 in Austria, lungo i corridoi autostradali. Ad oggi sono più di 100 le “Fast Recharge” installate, le infrastrutture di ricarica con tecnologia interamente sviluppata da Enel che garantisce un pieno di energia in circa 30 minuti, compatibili con tutti i veicoli elettrici in commercio e nel rispetto dei più alti standard di sicurezza.

Un altro impegno importante è quello portato avanti da Enel X in collaborazione con il consorzio Ionity (la joint venture che include società automobilistiche come BMW, Daimler, Ford e il gruppo Volkswagen) per l’installazione entro la fine del 2019 di fino a 20 siti di ricarica IONITY, ciascuno con un massimo di sei colonnine high-power con una potenza fino a 350 kW. I siti italiani si inseriscono nel piano che prevede circa 400 stazioni di ricarica HPC (high power charging) in tutta Europa, in grado di ricaricare completamente in 15-30 minuti i veicoli elettrici attuali e di prossima generazione delle maggiori case automobilistiche. Non solo punti di ricarica installati in ambito urbano o extraurbano, Enel X ha pensato anche ai più importanti luoghi di aggregazione stringendo un accordo con Conad, uno dei più importanti player nel settore della grande distribuzione, che prevede l’installazione di circa 500 punti di ricarica fast entro la fine del 2018.

A distanza di un anno dalla presentazione del Piano Nazionale il lavoro di Enel X sta proseguendo ininterrottamente con un ritmo di circa 80-100 installazioni a settimana. Il risultato è l’installazione di oltre 2.500 punti di ricarica pubblici in tutta Italia, che si aggiungono a quelli già presenti sul territorio per un totale di oltre 4.000, tutti con tecnologia Enel X. Lo scorso novembre l’azienda ha presentato, sempre a Vallelunga, le “Intelligent Charging Solutions” introducendo la nuova gamma completa di soluzioni per la ricarica pronta a crescere di pari passo con il mercato della mobilità elettrica.

La JuiceBox, ovvero la nuova box station compatta e intuitiva installata in ambito privato, grazie alla quale è possibile monitorare in tempo reale lo stato di ricarica dell’auto dallo smartphone. Le JuicePole, le nuove colonnine di ricarica su strada che da fine anno faranno il loro ingresso nelle città facilitando l’esperienza di ricarica grazie al nuovo schermo e all’integrazione con la nuova App Enel X Recharge. Le nuove colonnine, grazie alla loro tecnologia avanzata, permettono la ricarica contemporanea di due vetture con 22 kW di potenza in corrente alternata e possono essere attivate attraverso App o tramite card. Sia la JuiceBox, disponibile anche in versione commerciale, che la JuicePole sono componenti ideali per la ricarica delle flotte aziendali per cui la “rivoluzione elettrica” è già iniziata. JuiceLamp infine è la soluzione realizzata da Enel X che integra l’illuminazione pubblica con l’infrastruttura di ricarica: è il nuovo “lampione intelligente” a LED che, oltre a garantire alta efficienza e gestione da remoto, consente a due vetture contemporaneamente di fare il “pieno” di energia, sia con App che con card. Juice Lamp è inoltre predisposto per la videosorveglianza, il monitoraggio della qualità dell’aria e la connettività in fibra o il WiFi urbano.

 
I contenuti di questo post sono stati prodotti integralmente dal brand che appare come "autore" all'inizio di questo post
© Riproduzione Riservata

Commenti