Scottature ed eritemi: i benefici dell'acido ialuronico

Ecco cosa fare per combattere le conseguenze di una prolungata esposizione senza un'adeguata o sufficiente protezione

fidia scottature
Sponsorizzato da Fidia farmaceutici

Un’eccessiva esposizione ai raggi UV senza protezione solare può causare scottature ed eritemi: la pelle si presenta arrossata, calda al tatto e, a volte, con piccole lesioni (pelle lesa = scottatura = bruciore, dolore nella zona interessata; pelle irritata = eritema solare = prurito e fastidio). Inoltre possono permanere per alcuni giorni anche i fastidiosi sintomi tipici di queste irritazioni, quali dolore nell’area interessata e prurito.

In questi casi è importante tenere la pelle idratata nel tempo, poiché un ambiente umido favorisce e velocizza la rigenerazione della cute. Il doposole però da solo non serve perché l’azione di idratazione è temporanea e non risolve le lesioni e i sintomi.

Cosa fare in questi casi?
Sospendere l’esposizione al sole per alcuni giorni;
Osservare le norme igieniche evitando di toccare la cute lesa con mani sporche;
Sciacquare bene la parte interessata rimuovendo sudore, sabbia, salsedine e altre impurità irritanti;
Bere molta acqua per reintegrare i liquidi persi;
Se l’eritema è sintomatico (prurito e dolore) applicare antistaminici o anestetici/cortisonici locali fino alla scomparsa dei sintomi (24/36 ore);
Contemporaneamente applicare sulla parte lesa acido ialuronico in forma di crema, gel o spray.

Come agisce l’acido ialuronico?
Aiuta una maggiore idratazione della cute grazie alla sua naturale capacità di trattenere le molecole d’acqua – 1 g di acido ialuronico è in grado di trattenere 3 litri di acqua;
Consente una riparazione del tessuto cutaneo veloce e con risultati estetici migliori, evitando quindi la formazione di cicatrici;
Possiede un’azione lenitiva, dovuta alla sua interazione con alcuni recettori cellulari - riduce quindi il dolore dato dalla scottatura per un sollievo immediato dopo l’applicazione;
Non ha effetti collaterali al contrario di altri preparati quali cortisonici, antistaminici, anestetici locali , poiché è una sostanza naturalmente presente nel nostro corpo quindi perfettamente biocompatibile;
Agisce anche come "radical scavenger", ovvero spazzino di radicali liberi e ha un effetto antiossidante fondamentale nella protezione dai danni dovuti all’esposizione ai raggi solari UV che, è risaputo, accelerano l'invecchiamento della pelle.

I contenuti di questo post sono stati prodotti integralmente da Fidia farmaceutici
© Riproduzione Riservata