«Anche noi al Sud stiamo per riaprire le scuole. All'aperto»
Amelia Viterale (sinistra) e Carmela Cafasso (destra), dirigenti scolastiche a Maratea, in Basilicata.
True
«Anche noi al Sud stiamo per riaprire le scuole. All'aperto»
Politica

«Anche noi al Sud stiamo per riaprire le scuole. All'aperto»

Panorama ha deciso di chiedere ai presidi delle scuole italiane come stanno reinventando i propri istituti in vista di settembre. Una missione complessa, in cui rischiano in prima persona e da cui dipende il futuro del Paese.

Alla vigilia della riapertura scolastica in Basilicata, fissata per il 24 settembre, Panorama.it ha incontrato le due dirigenti che guidano l'istruzione scolastica nella Perla del Tirreno, quasi a voler suggellare la condivisione di valori educativi e impegno cui sono chiamate insieme, all'ombra dell'imponente statua del Redentore. L'emergenza sanitaria ha accelerato il processo di cambiamento verso un nuovo mondo di concepire l'istruzione e l'educazione, in cui anche nel Mezzogiorno d'Italia non mancano le sorprese. Positive.

  • Parla Amelia Viterale, dirigente dell'Istituto comprensivo Casimiro Gennari di Maratea: «Il clima favorevole che ci permetterà di sperimentare forme di didattica all'aperto».
  • Parla Carmela Cafasso, dirigente dell'Istituto di istruzione secondaria superiore Giovanni Paolo II di Maratea: «Ai nostri studenti chiediamo un comportamento responsabile».
Inchieste

Così consuma l'Italia nell'età dell'incertezza

  • Consumi\1 La casa come àncora di salvezza. Acquisti che rassicurano ma non danno la spinta per la ripresa. Metamorfosi sociali, anche drammatiche, fino a ieri impensabili. La seconda ondata del Covid, raccontano statistiche e nuovi stili di vita, investe un Paese profondamente mutato. Alla ricerca di una fragile normalità.
  • Consumi\2 quelli che non si arrendono. Gli italiani che vanno avanti nonostante tutto cercando di guardare oltre la crisi.
True
Lavoro

Avremo bisogno della cassa integrazione per tutto il 2021

Rubrica Portugal Street

Allo stesso modo è necessario innalzare il sussidio di disoccupazione. Ma non è bloccando i licenziamenti che si proteggono i lavoratori.

True