coronavirus aereo regole bagagli trolley
Ansa
coronavirus aereo regole bagagli trolley
Italia

Nuove regole per viaggiare in aereo: ecco quali sono

Le misure che entrano in vigore il 26 giugno non faranno piacere a molti passeggeri

La fase 3 è ancora un'altalena di possibilità e divieti per chi vuole viaggiare. In attesa di una decisione collegiale europea per la riapertura dei confini extra EU oggi entrano in vigore le nuove norme imposte dall'Enac che disciplinano le condotte da adottare nei viaggi aerei.

La norma più fastidiosa e poco comprensibile è quella che impedisce di portare a bordo trolley e bagagli da mettere nelle cappelliere. Il divieto di imbarcare il bagaglio a mano è esteso a tutti i voli nazionali e internazionali. Sono concessi a bordo solo piccoli effetti personali come borse e zainetti da posizionare obbligatoriamente sotto il sedile. La nota dell'Enac su indicazioni del Ministero della Salute riferisce che "per ragioni sanitarie non è consentito a nessun titolo l'utilizzo delle cappelliere".

Non chiaro perché il legislatore ritenga pericoloso l'uso del bagaglio nelle cappelliere ma non l'utilizzo dei tavolini, dei poggiabraccia, delle maniglie dei bagni. Inoltre dovendo posare a terra i piccoli bagagli il rischio che questi diventino ricettacolo di sporcizia, batteri e virus sembra poco importi alle autorità competenti.

Autorità che comunque, e giustamente, impongono che venga effettuato a tutti i passeggeri il controllo della temperatura prima di accedere all'aeromobile. Se la temperatura supera i 37,5° deve essere vietato l'accesso a bordo. Non è pertanto necessario un ulteriore controllo, come prima indicato, se il passeggero è stato sottoposto alla misurazione all'ingresso dell'aerostazione e comunque prima dell'imbarco.

Obbligatoria d'ora in poi, fino a modifica della norma, anche l'autocertificazione da parte del passeggero che attesti di non aver avuto contatti stretti con persone affette da patologia Covid-19 negli ultimi due giorni, prima dell'insorgenza dei sintomi e fino a 14 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi. Il passeggero si impegna anche a comunicare al vettore e alla autorità sanitaria territoriale competente, l'insorgenza di sintomatologia comparsa entro 8 giorni dallo sbarco dall'aeromobile. Il modello è accessibile a questo link.

Le norme indicate dall'Enac fanno riferimento anche all'obbligo del distanziamento. Tuttavia ora gli aerei potranno viaggiare a pieno carico, con tutti i posti assegnati, purché la compagnia sia in grado di garantire un costante e profondo ricambio d'aria e purché i passeggeri cambino la mascherina ogni quattro ore. Se anche una sola di queste clausole non potesse essere rispettata, la compagnia dovrà distanziare i passeggeri a bordo dei propri aerei. L'obbligo di distanziamento deve essere rispettato da tutti i vettori a prescindere dalla nazionalità.

Una nota di Alitalia fa sapere inoltre che per garantire il distanziamento interpersonale, le operazioni di imbarco verranno effettuate per gruppi di file iniziando dalla parte posteriore dell'aeromobile. Pertanto, l'imbarco prioritario riservato ai clienti SkyPriority è temporaneamente sospeso. Inoltre, ove possibile, l'imbarco sarà effettuato con il finger; in caso di utilizzo della navetta, è previsto un limite massimo di passeggeri.

In questo ginepraio di regole, alcune delle quali apparentemente poco logiche, rimangono ampi spazi di miglioramento. Al momento del check-in infatti gli operatori sono costretti a toccare con mano (quasi sempre) le carte di imbarco o i telefoni con i QR code, e i documenti dei passeggeri. A questo elenco si aggiungono ora anche i fogli delle autocertificazioni.

Inoltre impedendo la possibilità di salire a bordo degli aerei con i bagagli a mano quasi tutti i passeggeri saranno costretti a lunghe code ai banchi accettazione per la spedizione via nastro, riempiendo così gli spazi degli aeroporti e rendendo complicato il mantenimento della distanza di sicurezza. E' bene quindi considerare di arrivare in aeroporto con largo anticipo. Meglio prepararsi anche anche una buona resistenza fisica perché i posti a sedere nei momenti di attesa, di norma già limitati, sono stati ulteriormente ridotti.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti