itabus
(Itabus)
itabus
Italia

Nasce «Itabus» il nuovo modo di viaggiare all'italiana

200 mln di investimenti per 300 bus che porteranno i clienti da una parte all'altra del paese

La partenza è prevista per il 27 maggio, quando prenderà il via ufficialmente il servizio di Itabus, il nuovo operatore italiano di trasporto passeggeri su gomma a lunga percorrenza, che punta "a soddisfare la voglia di mobilità degli italiani, a integrare la rete dei trasporti in Italia", e a generare "occupazione". A regime, nell'arco di tre anni, saranno 300 i bus che connetteranno gran parte del territorio italiano, percorrendo con 350 servizi 90 milioni di chilometri all'anno, da Nord a Sud della penisola, e creando oltre mille posti di lavoro, indotto compreso.

Tra gli azionisti della società, completamente italiana, troviamo nomi noti dell'industria del nostro Paese, presenti attraverso i rispettivi veicoli societari: Flavio Cattaneo, Luca Cordero di Montezemolo, Angelo Donati, Isabella Seragnoli e la famiglia Punzo. Giovanni Punzo sarà presidente onorario, mentre il ruolo di presidente sarà ricoperto da Elisabetta Colacchia e i due amministratori delegati saranno Enrico Zampone e Francesco Fiore.

Per il progetto Itabus sono previsti circa 200 milioni di investimenti complessivi nel periodo 2021-2025. L'iniziativa, come ha spiegato l'ad Francesco Fiore, si propone di "completare l'attuale sistema di trasporti: ecco perché fermeremo in corrispondenza delle stazioni ferroviarie come soluzione intermodale": l'obiettivo, ha aggiunto il manager, è stabilire partnership commerciali con Italo, Trenitalia e anche con le compagnie aeree". Quello del trasporto su gomma a lunga percorrenza, ha osservato ancora Fiore, "è un settore con un potenziale molto forte, tuttora non completamente espresso. Abbiamo un territorio non del tutto collegato: ci sono aree del Paese e fette di popolazione che hanno esigenza di muoversi".
Tra le regioni servite fin dal lancio del servizio troviamo Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Toscana, Trentino Alto Adige,
Umbria e Veneto. Nei piani è prevista anche la Sicilia.
La flotta di autobus, completamente nuova e acquistata tramite un'operazione finanziaria interamente gestita da Intesa Sanpaolo, sarà composta di mezzi costruiti da Man, del gruppo Volkswagen: tra i servizi presenti a bordo il Wi-Fi, offerto in collaborazione con Tim, i distributori automatici per snack e bevande, le toilette, i tavolini al posto, oltre a luci a led e prese Usb e di corrente per ogni poltrona. I bus saranno equipaggiati con motori diesel Euro 6D, la categoria che produce il minor quantitativo di emissioni inquinanti e una tra le "soluzioni a più basso impatto ambientale attualmente disponibili per la lunga percorrenza". Inoltre, grazie alla collaborazione con Eni, tutta la flotta verrà alimentata con Eni diesel+, il gasolio premium che contiene il 15% di componenti certificate come "sostenibili".
Il progetto Itabus mette "al primo posto" la sicurezza, ha aggiunto Fiore: il servizio di manutenzione sarà affidato al costruttore e su tutti i viaggi notturni saranno presenti due autisti che si alterneranno alla guida, con "una centrale operativa attiva 24h, 7 su 7". Le parole d'ordine sono "frequenza, qualità e prezzo" e Itabus punta a "essere un operatore industriale", che si occupa di "pensare il servizio, fino a farlo e a gestire il cliente anche dopo", ha concluso l'amministratore delegato.
Di "un nuovo modo di viaggiare in Italia", che fa perno sull'intermodalità e la capacità di connettere "porti, aeroporti e stazioni" ha parlato Luca Cordero di Montezemolo, secondo cui Itabus è "un bel gruppo italiano, un'iniziativa imprenditoriale pura" che coinvolge "tre aziende di eccellenza: Intesa, Tim, Eni" oltre naturalmente a Man, il costruttore. Itabus, ha aggiunto Flavio Cattaneo, è "un'iniziativa che si
posiziona nel Centro-Sud del Paese" e punta a un "servizio di qualità" con un "prezzo competitivo". Per il manager il progetto, la cui squadra di azionisti "si conosce dai tempi di Italo", è la prova che anche imprenditori provenienti dal Nord "investono e fanno del Centro-Sud il loro baricentro. Come con Italo - ha aggiunto - speriamo dia dimostrazione di successo". I viaggi sono acquistabili da oggi, sul sito www.itabus.it, tramite l'app Itabus e attraverso tutti i principali comparatori e agenzie di viaggi online.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti