certificato verde covid turismo
(Ansa)
certificato verde covid turismo
Viaggi

Il Certificato Verde italiano ed il Digital Green Certificate dell'Europa. Come si ottiene

Il turismo riparte grazie anche ad un documento che prima in Italia e poi un tutta la Ue permetterà di muoversi, liberamente. Ecco come funzionano

«Prenotate le vacanze in Italia» è l'appello lanciato dal premier Mario Draghi ieri nel corso del G20 dedicato al Turismo. Un vero e proprio messaggio di speranza per uno dei settori principali della nostra economia e che forse più di tutti è stato colpito dalle limitazioni previste contro la pandemia.

Per poter quindi accettare turisti e consentire a ciascun italiano di muoversi da nord a sud del paese al di là del colore della singola regione verrà introdotto a partire dal 16 maggio il famoso «Certificato Verde», il documento di cui si parla da settimane.

Una sorta di lasciapassare legato a tre fattori: o l'avvenuta vaccinazione (una o due dosi), o la guarigione dal Covid negli ultimi sei mesi o, in ultimo, un tampone rapido o molecolare (sono entrambi validi) effettuato nelle 48 ore precedenti la partenza.

Ma anche l'Europa nel suo insieme si sta muovendo. Il suo nome tecnico è «Digital Green Certificate» e sarà l'oggetto che ci potrà regalare la libertà. Stiamo parlando del pass vaccinale o Certificato Verde, il documento necessario per chi vorrà spostarsi in Europa per turismo o lavoro, in tutta sicurezza.

La sperimentazione in Europa partirà lunedì prossimo, con lo scopo di essere perfettamente operativo dal 1 giugno, ipotetica data di inizio della stagione turistica estiva.

Sono 16 le nazioni della Ue che cominceranno da lunedì prossimo i test tecnici, tra questi anche l'Italia. Martedì invece i governi si ritroveranno per stabilire il regolamento e trovare l'accordo politico per il suo uso e la validità.

Dal punto di vista tecnico il Digital Green Certificate è legato ad un'app dotata di codice Qr che attesterà o l'avvenuta vaccinazione (con il numero di dosi ricevute), la guarigione dal Covid nei sei mesi precedenti e la presenza quindi degli anticorpi mediante un test sierologico, o l'esito negativo di un tampone (che sia valido il rapido o il molecolare verrà deciso appunto dagli stati membri). Per evitare truffe o falsificazioni ognuno dovrà apporre una propria firma elettronica o impronta digitale. Per quanto riguarda invece il rispetto della Privacy (nel nostro paese il Garante aveva già sollevato dubbi sulla legalità del documento) i dati personali non potranno essere conservati nel paese di destinazione e non ci sarà nemmeno un database centralizzato europeo.

A queste regole uguali per tutti ogni nazione potrà aggiungere limitazioni proprie, persino l'obbligo di qualche giorno di quarantena o test aggiuntivi, ma le misure, come specificato da Bruxelles, dovranno essere «proporzionali e non discriminatorie».

Il sogno poi è di estendere la validità del documento a tutti i paesi del mondo, primo tra questi gli Stati Uniti e far si che lo stesso valga per i turisti di oltreoceano interessati a trascorrere le loro vacanze in Europa.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti