WhatsApp
WhatsApp
WhatsApp
Social network

WhatsApp, grandi novità per la privacy

L'app di proprietà di Facebook pronta alla personalizzazione dell'ultimo accesso: si potrà scegliere a chi consentire e negare la visualizzazione del dato, che chiude la porta agli stalker e assicura maggiore tranquillità

I vantaggi superano di gran lunga i limiti ma, forse, molti utenti non si sono mai fermati a riflettere quanto WhatsApp sia in grado di alimentare dubbi con lo scambio dei messaggi. Che sia per una novità lavorativa, per sogni d'amore o il da farsi quotidiano, la doppia spunta blu che indica la lettura del testo inviato provoca ancora la consueta attesa per la risposta (per tanti è un assillo), come pure l'orario dell'ultimo accesso. Proprio su quest'ultimo punto a breve arriverà una novità attesa da tempo dagli iscritti, in particolare da chi utilizza lo stesso numero per le chat di lavoro e quelle con la famiglia e gli amici.


WhatsApp, la novità di personalizzazione i contatti cui negare l'ultimo accessoWABetainfo


Secondo WABetainfo è in rampa di lancio un cambiamento della funzione, con la possibilità di selezionare i contatti cui negare l'orario dell'ultimo accesso. Così da evitare potenziali fastidi, che si traducono talvolta in molteplici messaggi, file audio o telefonate da parte di chi sta dall'altra parte e freme in attesa di risposta. Non è questione di scortesia, perché con l'ascesa dell'applicazione di messaggistica in ambito lavorativo, spesso WhatsApp si rivela un mezzo di disturbo, con ripetute notifiche in arrivo mentre si è occupati con i propri compiti.

Dal lato tecnico, con l'aggiornamento si potrà ricorrere all'opzione "Ai miei contatti ad eccezione di...", scegliendo poi i numeri di telefono con cui non si vuole condividere l'ultimo accesso e circoscrivere il campo a chi è consentito di conoscere un dato utile per le chat. L'aggiunta sarà la quarta possibilità che amplierà le attuali tre opzioni riguardo alla visualizzazione dell'ultimo accesso: Tutti, Ai miei contatti o Nessuno, tenendo a mente che se si decide di negare la visualizzazione a tutti, al contempo non si può sapere quando gli altri hanno utilizzato l'applicazione per l'ultima volta.

Basate sullo stesso schema e identiche opzioni, oltre all'ultimo accesso, diventeranno riservate anche l'immagine del profilo e la breve biografia che compare sotto il nome. Non ci sono date precise circa l'effettivo lancio della nuova funzione, che però non dovrebbe tardare a comparire, cominciando dalla versione per iOS e arrivando più avanti su Android, anche perché gli utenti hanno segnalato più volte la volontà/necessità di usufruire di tale opportunità. Che sarà una garanzia per ridurre i disturbi e godere di maggiore tranquillità, permettendo a Facebook - proprietaria di WhatsApp - di sventolare la bandiera della privacy.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti