WhatsApp Facebook Instagram social
(iStock)
WhatsApp Facebook Instagram social
Social network

Come il lockdown ha avvicinato gli influencer ai follower

Un report dimostra il cambio di ruolo dei volti noti online, che durante l'isolamento forzato hanno catturato l'attenzione degli utenti con contenuti informativi, consigli per divertirsi e gesti da imitare

Mettendo da parte il pesante conto pagato dall'Italia colpita dal virus, il lockdown è stato un punto di svolta per gli influencer e i creatori di contenuti per i social media che, con l'improvviso e inaspettato incremento del tempo libero a disposizione degli utenti, sono stati per diverse settimane ancora più al centro dell'attenzione rispetto al periodo pre-coronavirus. Un evento che ha segnato cambiamenti di rilievo, con i personaggi più in vista chiamati a produrre contenuti di qualità per catturare e tenere alta nel tempo l'attenzione dei fan, mentre questi ultimi hanno variato il modo di approcciarsi e di utilizzo dei principali canali social.

I social network come fonte di informazione

A rivelarlo è un sondaggio realizzata da Ipsos, una delle più note società di ricerche di mercato, in collaborazione con l'agenzia di marketing Flu, che hanno intervistato 500 utenti online di età compresa tra i 18 e i 55 anni, con una costante presenza su Facebook e Instagram. Il dato più interessante è che gli intervistati hanno affermato di aver cambiato il modo di utilizzare i social durante l'isolamento forzato. Il 25% ha cominciato a seguire nuovi volti noti e il 18% ha migliorato la propria opinione sugli influencer già seguiti prima dell'emergenza sanitaria. Nello specifico, il 63% del campione sostiene di aver usato i social per restare aggiornato sui temi di attualità (un rialzo notevole rispetto al 28% ante Covid), mentre poco più della metà hanno sfruttato i canali social per mantenere il contatto con amici e famigliari (prima di marzo lo faceva il 39% degli utenti intervistati).

Gli influencer più seguiti

Qui entra in gioco la qualità, la capacità di intercettare i bisogni dei seguaci e l'abilità nel coinvolgere il pubblico di riferimento dei migliori influencer, il cui impegno è stato l'aver rivestito un ruolo sociale, offrendo informazioni precise e puntuali, suggerendo attività divertenti per trascorrere il tempo in casa e veicolando messaggi e consigli utili per affrontare le difficoltà del momento, ad esempio anche tramite la promozione di iniziative e progetti benefici. Come fatto da Chiara Ferragni e Fedez con la raccolta fondi per la creazione di un padiglione provvisorio per la terapia intensiva all'Ospedale San Raffaele di Milano che, con 4,5 milioni di euro e 203.000 donatori, si è rivelata l'iniziativa benefica online più gettonata in Italia. Se la coppia è la prima nelle citazioni degli utenti circa i personaggi più coinvolgenti, la blogger Benedetta Rossi con le sue ricette è stata la più seguita in assoluto.

Il potere di ispirare gli altri

Il successo dei volti più popolari in rete, tuttavia, è sublimato dalla capacità di ispirare i fan, come dimostrato dal 52% degli utenti che ha compiuto azioni realizzato gesti seguendo l'esempio dei rispettivi guru digitali. Ben il 61% si è dedicato alla cucina per imitare le ricette suggerite dagli esperti del campo e il 49% si è allenato insieme al proprio totem, mentre uno su tre ha fatto una donazione sulla spinta dei rispettivi idoli. Uno scenario figlio del rapporto di fiducia che si è rafforzato nel corso della clausura domestica anche perché, calati tutti nello stesso ambiente (casalingo) la distanza tra personaggi e followers si è assottigliata, premiando appunto chi ha mostrato maggiore empatia. "Gli ultimi mesi hanno reso ancora più forte il ruolo degli influencer che hanno scoperto di avere una funzione anche sociale molto importante per i propri follower. Gli utenti vogliono continuare a sentirli vicino come negli ultimi mesi", spiega Rosario Magro, Partner e Marketing Director di FLU. In questo senso, quindi, il lockdown ha provocato un passaggio cruciale non solo per segnare un cambio di passo ma pure per conservalo in futuro, poiché il desiderio degli utenti è continuare a contare su contenuti informativi e di intrattenimento, oltre ai dati sui prodotti e servizi di cui i volti noti sono efficaci testimonial.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti