Guida all'uso degli emoji
Social network

Guida all'uso degli emoji

Meglio mandare un cuore rosso o un cuore giallo? Ogni simbolo ha il suo significato

Gli emoji sono ormai diventati parte del nostro linguaggio comune. I simboli pittografici, nati in Giappone negli anni Novanta, dominano le chat di migliaia di utenti in giro per il mondo e con il passare del tempo si sono trasformati in un mezzo di comunicazione imprescindibile, soprattutto per Millennials e Generazione Z. Basti pensare che nel 2015, la faccina con lacrime di gioia è stata selezionata come parola dell'anno da Oxford Dictionaries. Il presidente Caspar Grathwohl aveva commentato la scelta riconoscendo l'incredibile impatto culturale dell'emoji, «flessibile, immediata e capace di rendere alla perfezione le sfumature di un dialogo». È proprio su quest'ultimo punto che si sono soffermati diversi studi. Culture diverse utilizzano in modo diverso le emoji, e ciò che è popolare in un Paese può non esserlo in un altro.

Da anni, negli Stati Uniti si parla della possibilità di ammettere questi pittogrammi in un processo, ma la moltitudine di significati attribuiti a una singola emoji fa ancora molto discutere. Si è tanto parlato, ad esempio, dell'utilizzo dell'immagine della pesca per rappresentare tutt'altro che il frutto; un'interpretazione riconosciuta anche su Emojipedia che spiega: «Grazie alla sua particolare fenditura l'emoji è comunemente usato per il lato B». Scopriamo anche che il simbolo della stella cadente viene usato quando non si è ancora smaltita la sbronza della sera prima, mentre l'immagine del surfista è la preferita per attaccare bottone con la persona che ci piace su Instagram. Anche l'emoji del cuore - la seconda più usata al mondo - può nascondere delle insidie. Ogni colore ha un suo significato, un po' come quando si regala una rosa.

Il cuore rosso è senza dubbio il più romantico e inviarlo prematuramente a un nuovo partner potrebbe rovinare la vostra relazione. La netiquette insegna a non utilizzarlo mai dopo un primo appuntamento. Il cuore arancione è stato invece definito l'emoji degli uomini codardi. Quelli che non vogliono proprio impegnarsi. Se il vostro lui ve ne inviasse una, scappate! Il cuore giallo è perfetto per la famiglia. Non è certo un caso se il giorno in cui viene usato maggiormente è la festa della mamma. Chi lo usa sta cercando di dirvi che per voi prova solo amicizia. Il cuore verde è per i conoscenti o per chi non sentite da parecchio tempo, mentre quello blu va utilizzato nelle chat di gruppo, quando proprio non sapete che contribuire alla conversazione. Il cuore viola è il preferito da chi fa «sexting», forse perché ricorda l'emoji del diavoletto e quella della melanzana. Il cuore nero - a sorpresa - è il più importante, da utilizzare solamente con la vostra anima gemella.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti