Prime Gaming: sempre più giochi per gli utenti Prime
Prime Gaming: sempre più giochi per gli utenti Prime
Tecnologia

Prime Gaming: sempre più giochi per gli utenti Prime

Il colosso di Seattle cambia nome al servizio Twitch Gaming e lascia intuire interessanti sviluppi

La grande abbuffata di contenti continua e Amazon sa come farci ingrassare. Dopo i film, le serie tv, i libri e la musica ora arrivano i videogame. In realtà il servizio non è nuovo, la società americana aveva lanciato il Twitch Prime nel 2016, ma ora il cambio di nome in Prime Gaming lascia intuire una strategia più in linea con i prodotti di Amazon.

L'idea è come sempre quella di ingolosirci, tanto che l'accesso all'offerta di giochi in rete è completamente gratuita per gli utenti Prime e prevede un costo di solo 3,99 euro per gli coloro che non hanno l'abbonamento premium di Amazon. Questo significa che attualmente oltre 150 milioni di utenti possono farsi una scorpacciata di giochi.

I piatti serviti al self service di Amazon sono di primissimo piano, tra questi ci sono gli in-game per Grand Theft Auto Online, Red Dead Online, Apex Legends, EA Sports FIFA 20, League of Legends e più di altri 20 popolari titoli per PC, console e dispositivi mobili. Inoltre gli utenti possono richiedere ogni mese una selezione di giochi per PC che rimarranno loro per sempre.

Gli oltre 20 giochi disponibili questo mese includono i classici di SNK, SNK 40th Anniversary Collection, Metal Slug 2, e l'indie retrò Treachery in Beatdown City, una selezione in continua crescita per offrire sempre esperienze nuove e sfide ai clienti Amazon. Nell'abbonamento è incluso anche un canale Twitch per supportare gli streamer preferiti e chattare con altri utenti.

L'operazione del colosso di Seattle non solo aumenta ulteriormente il peso specifico dei vantaggi di Amazon Prime, ma lascia intuire anche un futuro da protagonista nel settore dei videogiochi in streaming. E' presto per conoscere gli eventuali sviluppi di Prime Gaming, ma tutto lascia supporre che possa essere il primo passo di una risposta alle piattaforme online di Google Stadia, Microsoft Project xCloud e Nvidia GeForce Now.

D'altra parte Project Tempo, il nome in codice del cloud gaming di Amazon, non è per nulla un mistero, almeno nelle intenzioni della società fondata da Jeff Bezos che può facilmente portarsi in dote la primaria infrastruttura di rete Amazon Web Services, un asset per nulla secondario. E' probabile che qualcosa di più si vedrà entro il 2021.

Ti potrebbe piacere anche
Video Divertenti

Gatto maestro di Kung Fu | video

I più letti