LG Signature Oled R tv
(LG)
LG Signature Oled R tv
Tecnologia

LG Signature Oled R, il televisore che scompare da 75.000 euro (per pochi eletti)

I sudcoreani hanno lanciato in patria l'atteso modello arrotolabile, con display da 65 pollici, varie funzioni innovative e un prezzo improponibile per i comuni mortali

Esclusivo è esclusivo, innovativo è innovativo, ma dovendo sintetizzare in una parola il nuovo televisore lanciato sul mercato da LG, il termine giusto è inarrivabile. E la dimostrazione sta nel prezzo di 100 milioni di won sudcoreani, equivalenti a 75.000 euro. Una cifra enorme che permetterà a pochi eletti di portarsi a casa e godersi con gli amici un televisore da 65 pollici che non è un semplice monitor per vedere film e ogni altro tipo di contenuti. Il tratto distintivo di LG Signature Oled R è che si arrotola, con la possibilità di scegliere se utilizzarlo per vedere qualcosa, oppure farlo scomparire quando non in uso. Per farlo basta un tocco sul pulsante dedicato, con il tv che lascia spazio a quanto si trova alle sue spalle.

LG Signature Oled R, un televisore bellissimo e carissimo

LG


Che poi tecnicamente un tv che ottimizza gli spazi, srotolandosi all'occorrenza dalla base rettangolare in alluminio per arrotolarsi al termine della visione, è l'ideale per chi abita in appartamento e casa di piccola taglia, anche se è quantomeno improbabile per non dire impossibile che chi vive in poche decine di metri quadrati possa permettersi un monitor di questo prezzo. Scherzi a parte, si tratta del primo dispositivo in grado di offrire una esperienza d'uso simile, che può essere sfruttato in tre formati di visualizzazione: Full View, Line View e Zero View. La prima modalità è quando si utilizza il tv nella forma standard, guardando cioè trasmissioni, film, serie tv, eventi sportivi e qualsiasi altro contenuto. Nel secondo caso, invece, lo schermo si apre solo in una piccola parte per inquadrare con uno sguardo fugace l'orario, i controlli per la riproduzione musicale o altre informazioni e immagini personalizzate. Nel formato Zero View, infine, il televisore non c'è ed entra in azione la cassa integrata nella base, una soundbar da 100 watt con altoparlanti 4.2 e supporto Dolby Atmos.

Può apparire paradossale ma l'Oled R ha anche dei limiti hardware, perché qui si arriva alla risoluzione 4K mentre sono già diversi i televisori 8K in commercio, al netto dei pochi contenuti disponibili per questi ultimi modelli. Al di là di ciò, l'esclusività resta il fattore preminente, non solo per i materiali scelti da LG, con l'alluminio spazzolato della scocca e il rivestimento dello speaker in lana creata dai danesi di Kvadrat (disponibili in nero, grigio, blu e marrone), ma anche per le opportunità riservate ai pochi fortunati che acquisteranno il tv. Un esempio? La possibilità di incidere il nome o un messaggio sulla base, così da personalizzare al massimo il televisore. Tutto bellissimo, lussuosissimo e rarissimo: per il debutto in Corea del Sud, LG ha previsto solo poche unità e per ora non ci sono notizie su un potenziale arrivo in Europa e in altri paesi. Tenendo a mente che l'eventuale disponibilità in Italia (in realtà molto difficile) sarà contrassegnata da un cartellino ancora più alto per via di tasse e altri balzelli.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti