La banda larga corre con Vodafone
iStock
La banda larga corre con Vodafone
Industria 4.0

La banda larga corre con Vodafone

Si sente molto parlare di «banda larga» e «banda ultra larga», specialmente oggi che l'accesso a internet per lo smart working e la didattica a distanza è diventato fondamentale.

Con la larghezza della banda si intende la quantità di dati che un canale può trasmettere in un certo lasso di tempo; tanto più aumenta la larghezza della banda, quanto più cresce la velocità di connessione a internet, di trasmissione dati e di utilizzo della rete in generale.

In Italia, il governo ha dato via a un piano per integrare la banda ultra larga sul territorio italiano, fino a raggiungere almeno l'85% della cittadinanza. Questa strategia, approvata nel 2015, procede però a rilento e a oggi meno del 50% può vantare una linea superiore ai 100 Mbps (megabyte per secondo).

In questo scenario, il peso delle connessioni in rame continua a ridursi a vantaggi di sistemi di connettività che garantiscono un segnale più stabile e veloce. Secondo i dati raccolti da Agcom, nel secondo trimestre del 2020 le connessioni in rame sono diminuite del 3% rispetto al trimestre precedente. Sempre più italiani scelgono infatti di passare a una rete Fttc (2,1%) o a una Ftth (0,6%). Complessivamente nell'ultimo anno le reti veloci sono cresciute del 10,2% e a far registrare l'aumento più significativo sono le linee Fttc, cresciute del 7% tra giugno 2019 e giugno 2020.

Leader nel settore è Vodafone, primo operatore Olo in Italia. La quota di mercato della compagnia telefonica è infatti cresciuta dello 0,9% nell'ultimo anno, e una linea su quattro di banda larga o ultralarga è targata Vodafone. Nel complesso, la quota di mercato della compagnia nel segmento Fttc è del 21,3%, mentre nel segmento Ftth è pari al 25,6%.

Ma analizziamo più nel dettaglio questi due tipi di linea. Quando si parla di Fttc si parla di una tecnologia mista. Si ha una parte di fibra - fino all'armadio stradale - che poi prosegue con i classici cavi in rame dentro la singola abitazione. Questo tipo di connessione a banda larga permette di raggiungere una velocità massima di 200 megabyte per secondo, ed è più comunemente usata in centri piccoli dove non è ancora stata installata la banda ultra larga, ovvero la Ftth.

Con Ftth parliamo della «iperfibra», capace di raggiungere un gigabit al secondo in download e consentendo così una rapidissima trasmissione dei file - anche i più pesanti - e soprattutto del materiale video.

Il primo ottobre sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il testo inerente al «piano voucher famiglie», meglio conosciuto come il bonus per la banda ultralarga e apparecchiature informatiche. Sono stati così stanziati i primi 204 milioni per permettere alle famiglie italiane di passare da una linea tradizionale alla fibra ottica, aumentando così la qualità e la velocità di navigazione.

Per usufruire del bonus Pc Vodafone è necessario avere un Isee fino a 20.000 euro e chiedere l'upgrade del sistema di connessione. Il bonus Pc è riservato alle famiglie meno abbienti e prevede due interventi: un bonus di 300 euro da usare per sostenere le spese di attivazione e i canoni per l'abbonamento di rete fissa e un bonus da 200 euro da usare per l'acquisto di un computer o un tablet.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti