covid app
Covidzone.info
covid app
Tecnologia

Una app ci dice cosa possiamo fare (e cosa no) nell'Italia dei Dpcm anti Covid

Zona rossa, arancione, gialla, dpcm, altre norme regionali. Per districarsi in questo mare di regole anti pandemia arriva in aiuto la tecnologia

Natale è passato ma c'è il Capodanno alle porte, come pure l'Epifania, giornate campali per gli italiani alle prese con l'emergenza virus e con l'alternarsi delle regioni tra zona rossa e arancione, con possibilità di spostamento e aperture dei negozi differenti in base al calendario. Oltre al colore della propria area, poi, bisogna fare i conti con il tipo di restrizioni in programma, rispettare il coprifuoco previsto dalle 22 alle 5 del mattino, tenere in conto le deroghe e le misure eccezionali che permettono comunque di recarsi in determinati luoghi, come anche le autocertificazioni da compilare. Restare dietro al flusso di notizie, vere o presunte che rimbalzano sui social network, che spesso finiscono per avere maggiore visibilità rispetto alle fonti verificate come quelle istituzionali, è tutt'altro che semplice, per questo l'ideale sarebbe poter contare su uno strumento semplice, in grado di fornire informazioni sicure e aggiornate, meglio se in modo rapido e senza costringerci a scartabellare documenti o perdersi tra click alla ricerca del dato certo.

Covidzone.info


Questo è quanto hanno pensato i quattro autori di CovidZone.info, una web app gratuita ideale per tenere traccia dei Dpcm e delle limitazioni adottate in tutto il Paese, ancor più per evitare di cadere in errore e magari infrangere le norme. Il suo punto di forza è l'immediatezza, perché una volta approdati sulla home page è sufficiente cliccare sulla propria regione di appartenenza e scegliere la data che interessa per sapere all'istante cosa si può fare e cosa invece è vietato. Perfetta, quindi, anche per ha poca abitudine a navigare in rete, l'app offre una grafica intuitiva definendo con la colonna di testo presente sulla sinistra i dettagli relativi alle regole in vigore nelle rispettive zone.

Nato proprio per offrire una bussola in un periodo di costanti cambiamenti anche a livello locale, oltre che nazionale, il progetto che non ha fini di lucro è stato sviluppato nell'arco di una decina di giorni grazie a quattro ragazzi (tutti under 35) di AsUsual-Lab, collettivo di giovani esperti di web e specializzati sulle dinamiche in Rete, che hanno basato il lavoro sull'interattività della soluzione. Per sciogliere i dubbi sul da farsi e sapere come poter agire, così da organizzarsi per tempo, su covidzone.info è tutto a portata di mano: in questi giorni, poi, la divisione tra i giorni festivi da vivere come in lockdown e i feriali in cui invece potersi muovere rende tutto omogeneo lungo lo Stivale. Considerando la giornata di mercoledì 30 dicembre, ad esempio, tutta Italia è in zona arancione, quindi i negozi possono restare aperti fino alle 21, con spostamenti entro i 30 chilometri permessi nei comuni con massimo 5.000 abitanti e divieto di sposarsi nei capoluoghi di provincia e fuori regione. E ancora, è previsto il rientro alla propria residenza e domicilio, l'attività motoria nel proprio comune e la possibilità di praticare attività venatoria e pesca dilettantistica sempre nel proprio municipio. Chiusi bar, pub, ristoranti, pasticcerie e gelaterie, che possono lavorare solo tramite cibo e bevande d'asporto fino alle 22.

Per il giorno successivo, ultimo dell'anno, invece sono vietati tutti gli spostamenti interni al comune, con l'eccezione di chi deve muoversi per comprovate esigenze (motivo di lavoro o salute), non è consentita l'attività motorio se non in forma individuale e nei pressi della propria abitazione. Chiuse tutte le attività commerciali al dettaglio, come pure i mercati e i centri estetici. Tali regole sono in vigore anche nei giorni di 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio, mentre solo il 4 gennaio l'Italia sarà di nuovo zona arancione. Al momento il calendario di covidzone.info arriva proprio fino al 6 gennaio, ma gli autori hanno già confermato che continueranno a offrire il servizio, così da rendere più semplice la comprensione delle norme e i futuri cambiamenti delle stesse.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti