Apple
Tecnologia

Apple rivoluziona il Mac e mette in moto l'auto con l'iPhone. Tutte le novità della WWDC 2020

Alla conferenza degli sviluppatori, per la prima volta online, Tim Cook annuncia l'addio a Intel e l'arrivo dei processori Apple Silicon che cambierà il volto della società californiana. Svelati i nuovi sistemi operativi di smartphone, iPad e Watch

Non c'erano dubbi che sarebbe stata una prima volta storica per la WWDC 2020 di Apple, con lo Steve Jobs Theater privo delle migliaia di sviluppatori che lo riempiono durante l'annuale conferenza loro dedicata. Oltre che per essere stata la prima in versione online, l'edizione dell'epidemia di Covid-19 resterà negli annali per le molte novità svelate a livello software, ma ancor più per l'annuncio sui nuovi Mac, che saranno dotati di processori disegnati dalla stessa azienda e basati sulla tecnologia ARM. Un cambiamento da poco solo in apparenza, perché in realtà cambierà tanto.

WWDC 2020 - Nuovi Mac

Apple


Il nuovo Mac

Da sempre è l'autunno il periodo della presentazione dei nuovi dispositivi, con un probabile ritardo sulla consueta tabella di marcia quest'anno, dovuta all'emergenza sanitaria che ha bloccato e posticipato la produzione, ma i computer della Mela si sono presi la scena con la novità anticipata da Tim Cook: addio Intel e spazio a Apple Silicon, processore fatto in casa che, come già avviene con quelli di iPhone e iPad, assicurerà una marcia in più in tema di potenza, consumi e prestazioni rispetto alla concorrenza, anche se la finalità è diversa e quanto mai cruciale per il futuro dell'azienda. L'obiettivo è integrare sempre di più Mac e dispositivi mobili, per un ecosistema unico in grado di continuare a fornire le applicazioni migliori, alcune esclusive, anche sul versante personal computer. Con iPhone, iPad e Apple Watch a dominare il fatturato rispetto agli introiti ottenuti dal Mac (circa 25 miliardi di dollari), quest'ultimo ha bisogno di avvicinarsi ai suoi fratelli diventandone un'estensione, con tutte le sue peculiarità, in cui le applicazioni mobili girano alla perfezione. Il passaggio da Intel a Silicon si concluderà nell'arco di due anni e nel mentre continueranno a uscire modelli basati ancora su processori Intel, ma entro la fine del 2020 arriverà il primo Mac del nuovo corso. In tal senso, è già disponibile un Mac mini che monta lo stesso chip (A12Z) dell'ultimo iPad Pro, proprio per consentire agli sviluppatori di iniziare a progettare software diversi dal passato prossimo.

Big Sur completa la trasformazione

La metamorfosi del computer di Cupertino si completa con Big Sur, l'ultima versione di MacOS disponibile dal mese prossimo nella versione beta e in autunno come aggiornamento software gratuito, che non sarà più caratterizzato dal numero 10, come avvenuto dal 2001 in poi, bensì inaugurerà la release numero 11.0. Le principali novità riguardano messaggi e mappe ma ancor più il browser Safari, che offrirà maggiore velocità nel caricare le pagine web più visitate, la possibilità di tradurre le stesse pagine e una più approfondita attenzione alla privacy, in particolare per visualizzare e comprendere meglio quali dati ogni applicazione richiede e come intende utilizzarli, con specifico richiamo alla condivisione verso terze parti. L'app Mappe si arricchisce dei percorsi in bicicletta e tramite veicoli elettrici, con l'opportunità di spedirli all'iPhone per agevolare i movimenti.

Le novità sul prossimo iPhone con iOS 14

La pulizia è sempre stata una delle parole chiave nello sviluppo software dei californiani e con l'ultimo aggiornamento per iPhone il passo in avanti è evidente grazie a App Library, che permette di organizzare in modo automatico tutte le applicazioni in relazione alla frequenza d'uso e alla categoria, con in cima quelle dedicate all'attività che si sta effettuando. Tra i cambiamenti più rilevanti c'è l'evoluzione di Siri che, quando chiamato in causa, salterà fuori nella parte inferiore dello schermo e consentirà di tradurre in tempo reale l'audio in undici lingue (italiano incluso). L'effetto wow è arrivato con le Chiavi digitali che permettono ai possessori di iPhone e Apple Watch di aprire le portiere e mettere in moto l'auto (al debutto con la BMW Serie 5). Per le Mappe, da notare che il calcolo degli spostamenti in bicicletta tengono conto di altitudine, traffico e eventuale presenza di scalinate, mentre quelli per i mezzi green suggeriranno le stazioni di ricarica lungo la strada, mentre per trovare cose da far, vedere e testare, le guide della città offriranno un elenco di luoghi da visitare e ristoranti da provare. Utile, infine, con i Messaggi la possibilità di fissare le conversazioni in alto nell'elenco dei messaggi per seguire con più facilità i dialoghi che più interessano

Scribble e iPadOS 14

Con iPadOS 14 sui prossimi tablet sarà protagonista Scribble, funzione da usare con Apple Pencil che converte in automatico in formato digitale ogni appunto e discorso scritto a mano. Scrittura e conversione avvengono direttamente sul dispositivo, con le informazioni che restano riservate a occhi indiscreti, mentre la distinzione tra le note scritte a mano e i disegni avviene mediante l'apprendimento automatico, così da poter tagliare e incollare il testo in un altro documento, come se fosse, appunto, in versione digitale. Nella prima fase Scribble supporterà solo inglese e cinese, con gli utenti che potranno quindi scrivere parole nelle due lingue senza dover passare da un idioma all'altro. Altra nota da evidenziare per iPad è la funzione Cerca, ripensata completamente e in grado ora di trovare e lanciare app, consultare informazioni veloci, accedere a contatti e file, con la possibilità di avviare una ricerca da qualsiasi schermata senza dover uscire dall'app in uso.

WatchOS 7

Lo smartwatch Apple domina il mercato degli indossabili da polso e si rinnova guardando sempre di più all'ambito sanitario. Tra le novità in arrivo, infatti, c'è la rilevazione automatico del lavaggio: grazie ai sensori di movimento, microfono e apprendimento automatico, l'orologio riconoscere quando l'utente si sta lavando le mani e lancia un timer di 20 secondi per concludere l'azione. Se si termina prima del gong invita a continuare, mentre ai più distratti ricorda di lavarsi le mani ogni volta che si rientra in casa. Lato fitness, l'app allenamento è già una delle più gettonate e ora ampia l'elenco delle attività supportate con l'inserimento di core training, dance, cooldown e functional strenght training. I ciclisti hanno invece il percorso sul polso, con l'app Mappe che indica pure i tratti in cui bisogna smettere di pedalare e portare la bici a mano.

Ti potrebbe piacere anche
Video Divertenti

Una manicure canina

I più letti