Televisione

The Voice, tra la Carrà motivatrice e Pelù scatenato c'è Mengoni

Parata di ospiti per la terza puntata dei Live. Grande attesa per quello più atteso, Marco Mengoni. Sono dodici i cantanti che passano il turno - le pagelle -

Marco Mengoni the voice

Il vincitore di Sanremo 2013 durante l'esibizione di ieri sera sul palco di The Voice. L'8 maggio si è esibito al Teatro Arcimboldi con L'essenziale Anteprima Tour – Credits: (Ufficio Stampa La Presse)

Prosegue il lungo cammino di The Voice verso la finale. Il terzo appuntamento con i live è andato in scena ieri sera: tutto come da copione, senza colpi di scena o imprevisti capaci di trasformare anche una piccola sbavatura in momento culto. Manca un po’ di mordente, insomma. E non basta il parterre di ospiti che nemmeno a Sanremo per scaldare l’atmosfera del programma, che serba tante potenzialità finora inespresse.

L'AUTOSTIMA DI NOEMI. Prima di entrare nel vivo della gara, si esibiscono i Bastille, rock band inglese del momento. Tocca al team Noemi, molto più in forma della scorsa puntata, rompere gli indugi e iniziare ad esibirsi: la coach ci crede parecchio e non lo nasconde: “La mia squadra vincerà”. Come da regolamento, passano il turno in tre: due scelti col televoto, il terzo dal giudice della squadra. Silvia Capasso apre col botto e ad abbracciarla dopo l’esibizione sale sul palco la compagna. Giuseppe Scianna canta La cura e Pelù dedica la canzone a Peppino Impastato – ieri ricorreva il 35esimo anniversario dell’uccisione del giornalista e attivista politico - e a tutte le vittime della mafia. Chapeau. Poi tocca a Diana Winter e alle sue ‘fioriture vocali’, infine a Flavio Capasso. Prima del verdetto, ogni team si esibisce con un omaggio musicale: si parte con Amy Winehouse e si spiega così la cofana cotonata di Noemi (che ricorda più Marge dei Simpson). Quanto a capelli, se la gioca con Carolina Di Domenico, che dalla web room sfoggia un’acconciatura simil-cresta troppo criptica per essere capita. Passano il turno Silvia Capasso e Giuseppe Scianna. Noemi sceglie la Winter. Primo eliminato della serata Flavio Capasso.

TOCCATA E FUGA PER MENGONI. E’ la volta di Riccardo Cocciante, che lancia prima Giulia Saguatti poi Elhaida Dani. “Arriva Elhaida e sono dolori” dice la Carrà. E, in effetti, la cantante albanese stupisce ancora con una performance riuscita. “Sali sul palco e canta come se fosse l'ultima volta" suggerisce Cocciante a Lorenzo Campani e una domanda sorge spontanea: ma l’abbinamento rocker-pantaloni di pelle, è proprio obbligatorio? Chiude lo slot Mattia Lever, la mascotte di The Voice, tenero e impacciato. Il team omaggia i Beatles con un’esibizione corale di Ehi Jude, con tanto d’invasione dei figuranti sul palco. “Sono tesissimo perché li amo tutti” svela il coach al momento del verdetto. Passano Lever ed Elhaida, campioncini al televoto. Cocciante, in grande imbarazzo, sceglie Lorenzo e il pubblico fischia: fuori Giulia. Poi entra in scena Marco Mengoni, très chic con l’abito taglio sartoriale: canta Pronto a correre - davvero bella la regia di Sergio Colabona - saluta veloce e se ne va. Peccato, un po’ d’interazione con gli ospiti non guasterebbe.

RAFFA MOTIVATRICE. “Attenti perché il team Carrà sta arrivando” ammonisce Raffaella Carrà. Si comincia col vocione roco di Manuale Foresta. “Non avere paura di mostrati” suggerisce a Veronica De Simone, che canta Cuore e le fa venire gli occhi ludici. “Butta via la paura” dice la Carrà, in evidente modalità motivatrice, a Stefania Tasca. “Questa sera ti sei riscattata”, la promuove Noemi. Tocca poi a Emanuele Lucas che si agita convinto, strepita e gioca a fare lo show men ma con dubbi risultati. Poi Raffa entra in scena di prepotenza e si scatena coi suoi sulle note di We are family. “Team Carrà ed è subito Mucca Assassina” twitta ironico il costumista delle star Giovanni Ciacci, rievocando la mitica serata gaya romana. Il primo a passare è Manuel Foresta poi, a sorpresa, la De Simone. La Carrà sceglie Emanuele: “È più pronto a combattere”. Mah.

SCATENATO PELÙ. Lo spettacolo deve ancora cominciare canta El Diablo scatenato nel duetto col terzo ospite della serata, Edoardo Bennato. Poi parte l’ultima disfida con Danny Losito che si cimenta ardito in Roxane e incassa i complimenti della Carrà. E' la volta di due rocker: prima Francesco Guasti, poi Timothy Cavicchini. “Il cavallone bianco” lo etichetta Pelù. Chiude Cristina Balestriere con In alto mare e, come già capitato con Paola Licata – cantò qualche puntata fa Non sono una signora e fu eliminata – si rimpiange assai la Bertè dei tempi d’oro. L'avventura di The Voice prosegue per lei e per pettorali d’acciaio-Cavicchini. Il coach temporeggia, chiede l’applauso del pubblico e alla fine sceglie Guasti. In dodici passano il turno: la prossima settimana otto posti in palio, ma solo quattro cantanti approderanno alla finale.  

© Riproduzione Riservata

Commenti