Televisione

Maurizio Costanzo boccia il Grande Fratello

Secondo il giornalista il GF è "Un crimine contro al telespettatore"

Maurizio Costanzo – Credits: Gettyimages

"Talvolta i format, stanchi per troppe edizioni, vengono mandati in onda quasi a dispetto del telespettatore". A parlare è Maurizio Costanzo che a 75 anni può vantare una carriera televisiva iniziata nel 1956. Di trasmissioni, volti, format e programmi, nella sua infinita carriera ne ha visti passare centinaia e ora si può permettere di definire il Grande Fratello "Un crimine contro il telespettatore". Secondo il marito di Maria De Filippi, il GF è ormai una trasmissione finita perchè, come dichiarato a Nuovo: "Il telespettatore si trova a sorbirsi una trasmissione che, nata per suscitare curiosità, non ne crea più nessuna. Io credo che la mancanza di novità sia il grande problema del Grande Fratello".

La mannaia di Costanzo, però, non cade sui talent show in generale dei quali - e come potrebbe essere diversamente per il consorte della regina di Amici - parla in maniera positiva. "Se sono fatti bene - spiega - consentono ancora al vincitore o anche a un altro partecipante di affrontare la professione, altrimenti non succede nulla. Per ora Amici innanzitutto e, a seguire, X Factor, riescono a scovare, interpreti che poi sanno farsi strada. Guardate Alessandra Amoroso, Emma Marrone o Marco Mengoni".

© Riproduzione Riservata

Commenti