Televisione

Masterpiece, 5 mila candidati per il talent sugli scrittori di Rai Tre

Il libro del vincitore sarà pubblicato da Bompiani in collaborazione con Rai Eri e presentato al Salone del Libro

Andrea Vianello

– Credits: (Ansa)

Un paese di santi, poeti e…scrittori. In Italia si legge poco ma si scrive tanto. Si pubblicano più di 150 nuovi titoli al giorno ma, stando al primo Rapporto sulla promozione della lettura promosso dall’Associazione Forum del libro - curato su incarico del Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri – solo il 46% degli italiani nel 2012 ha letto un libro e appena il 6,3% è da considerarsi un lettore forte (legge cioè almeno 12 libri l’anno). In questo quadro ‘fosco’, ecco spuntare Masterpiece, il talent targato Rai Tre dedicato agli scrittori esordienti.

ASPIRANTI SCRITTORI, UNITEVI. Lanciato a giugno nel corso della presentazione dei palinsesti Rai, il talent ha già fatto discutere parecchio sul web. Intanto si è conclusa la prima fase del programma, fortemente voluto dal direttore di rete Andrea Vianello. Oltre 5 mila scrittori esordienti hanno inviato il proprio manoscritto alla redazione: un fiume di parole per un totale di oltre un miliardo di battute. Ma non è tutto, perché altri concorrenti saranno reclutati on line durante la messa in onda. “Grazie a tutti gli scrittori – e siete stati tantissimi - che hanno inviato il loro romanzo nel cassetto. Chi è stato selezionato riceverà a breve comunicazione via mail” si legge sul sito del talent, che si snoderà dal 10 novembre, nella seconda serata della domenica, per poi approdare in prime time per otto puntate dal febbraio 2014.

IL PREMIO E I GIURATI. Tra gli elementi certi di Masterpiece c’è il premio finale: come annunciato da Vianello, il romanzo vincitore sarà infatti pubblicato da Bompiani, la cui direzione editoriale è affidata ad Elisabetta Sgarbi. La co-produzione del programma è affidata alla FremantleMedia, il cui managing director è Lorenzo Mieli, e tra gli autori c’è anche Edoardo Camurri. A svelare questo particolare è stato lo scrittore Massimiliano Parente, che in un articolo de Il Giornale ha raccontato di essere stato chiamato a fare un provino per partecipare come giurato: “L’interrogazione verteva su cosa intendo per letteratura, quanti manoscritti ricevo, quanti giovani autori aiuto, quanti mando a quel paese”. Ma chi siederà in giuria? Per ora i nomi sono top secret ma, sempre Parente, ha ipotizzato - non senza un discreto sarcasmo - la presenza di Antonio Scurati, Gianrico Carofiglio e Alessandro Baricco.

© Riproduzione Riservata

Commenti