Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Televisione

Adriano Celentano non si smentisce. Boom di ascolti per Rock Economy. L'analisi

Tutti pazzi per Adriano: oltre 9 milioni di spettatori per il concerto del Molleggiato dall'Arena di Verona e stasera secono appuntamento. Con l'incognita monologhi.

Adriano Celentano

Dopo 18 anni il Molleggiato torna a cantare live e fa subito il botto – Credits: (La Presse)

Meno predicatore e più cantante. L’attesissimo live di Adriano Celentano dall’Arena di Verona ha incollato ai teleschermi quasi 9 milioni di persone. Numeri record, come da previsioni, momenti cult e pubblico in delirio. Spiazzati quanti si aspettavano dal Molleggiato i consueti sermoni televisivi. Soddisfatti per l’infornata di canzoni, dai grandi classici al repertorio più recente, i “celentanofili” duri e puri. L’operazione è riuscita. Ma Celentano è rock o lento? Panorama.it l’ha chiesto ad alcuni esperti di televisione.

ASCOLTI RECORD. Gongola su Twitter il manager Lucio Presta:Share prima parte 29.82 seconda 30.87 terza 34.49 Milioni prima parte 9.200. Seconda 9.159 terza 8.500 Non serve altro”. Grazie a Celentano Canale 5 incassa la miglior performance dal 2007. “Grande ascolto non vuol dire per forza grande gradimento – sottolinea il direttore di Sorrisi e Canzoni, Aldo Vitali - Però si tratta di numeri eccezionali, va assolutamente detto, considerando anche che su Rai Uno c’era la fiction con Sabrina Ferilli e su Rai Tre Fazio ospitava Matteo Renzi. Credo che stasera confermerà gli stessi ascolti o forse qualcosina in meno”.

LE POLEMICHE SUI COSTI. E’ il quotidiano Libero una delle poche voci fuori dal coro. Attacca il Molleggiato accusandolo d’ipocrisia. “Celentano chiede di rinunciare alle follie del consumismo da uno dei palchi più clamorosamente "ornati", pomposi e presumibilmente costosi nella storia della televisione italiana. Non trova un po' ridicolo tutto ciò, caro signor Celentano? La domanda resta in sospeso” si legge sul sito del giornale, che attacca e parla di “due facce del moralismo”. Sotto accusa l’utilizzo del mega palco – megaschermi, scenografia monumentale, 18 chilometri di cavi all'interno dell'anfiteatro e un impianto audio da 100mila watt – oltre all’uso degli elicotteri per le riprese aeree. “Polemica sterile – dice Andrea Amato, direttore del sito Tv Zoom e direttore dei contenuti di Radio 101 - Uno show di questo tipo genera introiti pubblicitari, crea posti di lavoro per l’indotto ed è un volano per il turismo”.

APOCALISSE? NO GRAZIE. Non ha gradito la scenografia, ma ne fa una questione estetica, anche il direttore di Sorrisi e Canzoni. “E’ vero che i temi forti di Celentano sono l’ecologia, l’inquinamento e la distruzione del pianeta, ma non capisco i toni così apocalittici e le scenografie così cupe – rileva Aldo Vitali – Tanta cupezza cosa c’entra con le canzoni, quasi tutte d’amore? Penso  a Svalutation, che si chiude con una profezia positiva: “L’Italia ce la farà”. Più positivo di così!”.

IL MONOLOGO INTERROTTO. “Non si sente che parlare di crescita, tutti la invocano ma nessuno viene a spiegarci in quale modo. Credo che la crescita sia subordinata a un'inversione di marcia dell'uomo senza la quale è impossibile venirne fuori”. Il Molleggiato riesce ad accennare il monologo, poi si stoppa: non si capisce se per il pubblico che rumoreggia e lo interrompe o per problemi al gobbo. Situazione improvvisata o siparietto costruito? Non si saprà mai, ma la suspense è garantita. “Alla gente piace proprio quello: le pause, i silenzi, lui che dimentica le parole: queste imperfezioni, che penalizzerebbero chiunque, fanno di lui un mito” spiega Aldo Vitali.

CELENTANO ROCK. “Celentano è una prova dell’esistenza di Dio: ho coniato questo slogan trent’anni fa e lo confermo. Parlo della voce, ma anche delle “prediche” che hanno – in questo caso senza scomodare Dio - il pregio di uno stile originale e divertente, al di là degli argomenti” dice l’autore televisivo Cesare Lanza. “Ha avuto il coraggio, alla sua età, di riproporsi in pubblico: la voce qualche volta è calata, non ha certo esaltato il pezzo di Fossati…ma qualsiasi cosa faccia per me è un mito. Mi fa tenerezza, gli voglio bene. Le sue canzoni sono un pezzo della mia vita e di milioni d’italiani, suoi fans. Per Canale 5 è stato un gran bell’exploit”.

CELENTANO LENTO/1. “I monologhi? Non credo se ne sia sentita la mancanza. Il momento più debole? Il talk con l’economista Fitoussi. Diceva cose interessanti, per altro già sentite, ma fuori contesto. Il limite del programma è stato proprio quest’ambiguità: la gente voleva un concerto, non un talk sull’economia, che si può fare in uno studio televisivo ma non all’Arena” sottolinea Vitali.

CELENTANO LENTO/2. “Purtroppo, poi, Celentano parla. Dopo pause chilometriche e incomprensibili, scatta il momento del dibattito. L'economista Jean-Paul Fitoussi, Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo seduti attorno a un tavolaccio di legno a pontificare di politica internazionale, come alla tv di provincia” scrive Francesco Borgonovo sul quotidiano Libero. “Il pubblico fischia e rumoreggia, si ode qualche ‘basta’ liberatorio. Adriano è costretto a farla finita e torna a cantare. Dopo tutto, lui che non sa parlar d’amore figuriamoci se sa parlare di politica ed economia”. Poi la musica riprende ed è subito spettacolo. Perfetta l’orchestra diretta da Fio Zanotti, bravissimi vocalist e ballerini.

GARANZIA MORANDI. Gianni Morandi entra in scena al momento giusto per dar manforte al “fratello maggiore” e spezzare la liturgia della scaletta. “Morandi ha dato ritmo e ha sdrammatizzato un momento di spettacolo, quello con Rizzo, Stella e Fitoussi che rischiava di essere fiacco” dice Andrea Amato. “E’ stato divertente vedere Morandi che quasi 'riprendeva' Celentano con quel “la gente vuole sentirti cantare”. Non so quanto ci fosse d’improvvisato o di studiato, il bello forse è proprio questo, ma è stato uno dei momenti più belli”.

MOMENTI CULT. L’Arena si commuove per Io non so parlar d’amore, dedicata all’amico Gianni Bella e al paroliere Mogol, anche lui nel parterre ad alto tasso vip – da Paola Perego a Eros Ramazzotti, da Gigi D’Alessio e Anna Tatangelo, Al Bano e Marco Mengoni. Standing ovation per Pregherò: tutti i piedi, compreso Paolo Bonolis ("qui c’è Paolo: mi ha detto che se non canto questa canzone mi tira qualcosa”). Applausi interminabili per gli evergreen come Svalutation, per il duetto con Morandi e per l’uscita di scena su Prisencolinensinainciusol.

#rockeconomy. Su Twitter si commenta, e molto, lo show. Giudizi ironici, altri decisamente al vetriolo. “Rock Economy come la immaginavo: imperfetta, incasinata, pretenziosa. Ma Celentano in tivù lo vorrei (quasi) ogni sera” twitta il giornalista del Fatto Quotidiano Andrea Scanzi. Che non risparmia nessuno. “Dopo pochi minuti, Morandi fa già il padrone di casa. Manca solo che gridi "dai dai dai" e chiami sul palco Papaleo” dice del cantante di Monghidoro. Poi sull’intervento dell’economista francese: “Io non ho ancora capito se, quando Fitoussi parla, Celentano ascolta o dorme. La differenza, in ogni caso, è labile”. Geniale Diego Passoni di Radio Deejay. “Adriano il cappello è quello di Milva a Sanremo quando cantò Uomini addosso”. Caustico l’autore tivù Peppi Nocera: “Per costringermi a vedere Celentano non esiste un prezzo”.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>