Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Sport

Thiago Silva-Psg: il Milan ci ripensa?

Galliani è tornato a Milano senza aver ceduto il brasiliano. I malumori dei tifosi e dello spogliatoio dietro il mancato accordo? Barbara Berlusconi: "Cessione svantaggiosa". Ma la partita non è finita..

Leonardo ha iniziato la sua carriera da allenatore sulla panchina del Milan: poi Inter e Psg – Credits: Ansa

Niente fumata bianca malgrado ore di interminabile trattativa prima chiusi in una suite dell'Hotel Bristol e poi al telefono. Adriano Galliani è tornato a Milano senza aver perfezionato la cessione di Thiago Silva al Psg. Non si tratta necessariamente del fallimento dell'affare, ma è evidente che qualcosa sia successo e, per la prima volta dalla pubblicazione delle indiscrezioni circa l'interessamento dei francesi per il brasiliano, il passaggio di Thiago Silva alla corte di Ancelotti non va più dato per scontato.

La svolta è avvenuta in mattinata anche se è difficile ricostruire cosa possa essere successo in assenza di conferme. Da Milano potrebbe essere arrivato l'input di bloccare tutto un po' come avvenne a gennaio con Pato e Tevez. Oppure potrebbe aver pesato il malumore dello spogliatoio rossonero ben espresso dalle parole pronunciate da Cassano nel ritiro dell'Italia a Cracovia.

Insomma i dirigenti del Milan si sarebbero resi conto che cedere Thiago Silva avrebbe potuto rivelarsi un autogol dal punto di vista tecnico e dell'immagine. Lo dimostrano anche le proteste incessanti dei tifosi che sul web e non solo hanno bocciato l'operazione senza fare sconti a presidente ed amministratore delegato. E può aver pesato anche il parere di Barbara Berlusconi che in via confidenziale ha definito "non conveniente" l'addio al difensore. Un insieme di situazioni che può aver spinto Berlusconi a ripensarci e Galliani a lasciare Parigi senza aver apposto le firme che Leonardo si attendeva per oggi dopo aver lavorato ieri alla definizione degli ultimi dettagli.

Per Thiago Silva il club francese è arrivato a offrire 42 milioni di euro compresi una serie di bonus su cui le due società si sono fermate a discutere fino a tarda notte. Questa mattina Leonardo si era presentato fiducioso nella sede del Psg, al Parco dei Principi, è arrivato e ha detto: "Continuiamo a parlare con il Milan, anche se nulla è stato ancora definito. Sono discussioni molto lunghe e complesse, e vedremo oggi cosa accadrà: di certo c'è che non è ancora stabilito nulla. Con Galliani siamo molto amici, però questo non significa nulla: non sono nè ottimista nè pessimista".

Adriano Galliani ha trascorso la mattinata all'interno dell'albergo nel centro di Parigi. Ore al telefono prima di andarsene all'ora di pranzo e tornare a Milano senza aver ceduto Thiago Silva. Nelle prossime ore potrebbe esserci un vertice con Berlusconi per fare il punto sull'offerta del Psg. Di certo la vicenda sta lacerando profondamente il mondo-Milan con due anime che si stanno confrontando. Da una parte i favorevoli alla vendita ripiana-buco di bilancio, dall'altra chi  (tifosi in testa) non accetta l'idea di un ridimensionamento cosÏ violento. La partita non è ancora terminata.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>